I giovani disoccupati nel mondo | T-Mag | il magazine di Tecnè

I giovani disoccupati nel mondo

disoccupazione_giovanile_lavoroLa disoccupazione giovanile in Italia ha raggiunto il dato allarmante del 42,4%. A sottolinearlo è l’Ilo (l’International Labour Organization) nel suo Rapporto sulle tendenze globali dell’occupazione giovanile 2014. Il tasso di disoccupazione giovanile nell’Unione europea a 28 è notevolmente più basso: i dati più recenti riferiscono che avrebbe raggiunto quota 23,4%. Nel nostro Paese, le situazioni che destano maggiori preoccupazioni si rilevano nelle regioni del Mezzogiorno, in particolare in Sicilia e in Calabria, dove quasi un giovane su due è senza un impiego.
“In questi 20 anni – osservava qualche giorno fa il presidente del Consiglio Matteo Renzi – si è pensato di creare lavoro per decreto e si è fallito, si è pensato di ridare garanzie a una generazione attraverso il moltiplicarsi di norme e si è fallito nuovamente”. Il risultato è che “oggi la disoccupazione giovanile è – denunciava il premier – a un livello atroce”.
Secondo i dati contenuti nel rapporto dell’Ilo, nel 2013 – e in tutto il mondo – il numero dei disoccupati è cresciuto di 5 milioni di unità, toccando così quota 202 milioni. Sono invece 74,5 milioni (poco più di un milione in più rispetto al 2012) i giovani al di sotto dei 25 anni di età senza un impiego. Il tasso di disoccupazione giovanile ha così raggiunto il 13,1% ovvero quasi il doppio rispetto a quello degli adulti, che si attesta al 6%.
Il tasso di attività globale della forza lavoro giovanile ha toccato il 47,4% nel 2013, rimanendo ben oltre 2 punti percentuali al di sotto dei livelli precedenti alla crisi economica. Stando a quanto riferito dall’Eurostat, i giovani disoccupati e quelli scoraggiati (ovvero i cosiddetti Neet, ossia tutti quei ragazzi che non hanno un’occupazione, non studiano e non sono in formazione), nel 2011 erano – nella fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni – ben 7,5 milioni, mentre – nella fascia d’età tra i 25 e i 29 anni – erano 6,5 milioni. Comprensibile quindi l’allarme lanciato da chi ha condotto il rapporto, secondo cui se – da qui a breve – non si metteranno in atto riforme strutturarli adeguate si rischia di escludere dal mondo del lavoro un’intera generazione.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia