Il voto francese che spaventa l’Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il voto francese che spaventa l’Europa

Ma l'apprensione per il sucesso del Front Nationale di Marine Le Pen è davvero così giustificata?
di Fabio Germani

marine_le_penIl primo turno delle amministrative francesi consegna l’immagine, più che altro, di un Paese sfiduciato e che altrimenti non potrebbe essere, indicatori economici alla mano. Perché tanto si parla dell’Italia quale “grande malato d’Europa”, ma a ben vedere non è che la Francia se la passi tanto meglio. Con la destra che ha raccolto il 46,54% dei voti, la sinistra il 37,74%, ma soprattutto l’estrema destra di Le Pen che ha ottenuto il 4,65% dei consensi, i commenti sull’avanzata del populismo e del fronte anti-euro si sprecano a due mesi dalle consultazioni europee. Ma è davvero così?
Il passaggio da un governo più conservatore ad uno di stampo socialista – non possiamo certo dimenticare la trionfale campagna elettorale di Hollande – non ha migliorato granché le aspettative dei cittadini, che dopo la speranza si sono dovuti scontrare con la dura realtà. Sintetizzata, anche recentemente, dalla Commissione europea in questo modo: gli squilibri macroeconomici che coinvolgono 14 Paesi dell’Ue, in particolare Francia e Italia, minacciano la ripresa economica dell’Europa. Eppure l’attività economica francese, proprio a marzo, ha registrato una crescita più elevata dopo due anni e mezzo, sconfessando le attese degli analisti che avevano previsto un ulteriore calo. L’indice composito Pmi elaborato da Markit, infatti, è balzato a 51,6 da 47,9 di febbraio, massimo da agosto 2011 (sopra, inoltre, la soglia di 50 che separa una fase di contrazione da una di crescita). A preoccupare, soprattutto, sono i dati sulla disoccupazione che secondo Eurostat a gennaio si attesta a un passo dall’11% (la media europea è al 12%).
Il voto di domenica in Francia, se vogliamo finanche di protesta, è frutto di un malcontento più generalizzato che potrebbe – il condizionale è d’obbligo – avere poco a che fare con le politiche restrittive degli ultimi anni, per le quali Hollande non ha neppure particolari responsabilità, o con un risentimento nei confronti di Bruxelles. Allo stato il presidente francese non gode di grandissima popolarità e i sondaggi non lo premiano. Il successo del Front Nationale di Marine Le Pen, in vantaggio in 16 città da oltre diecimila abitanti e in sette tra i Comuni più piccoli, è comunque figlio di una condizione che ormai in Europa è generalizzata, ma che è ancora difficile da quantificare con metodo scientifico. Anche perché già al secondo turno delle amministrative i francesi potrebbero correggere il tiro alla luce di nuove ed eventuali alleanze. Resta il fatto, però, che le prossime elezioni europee daranno per la prima volta maggiore voce agli elettori e tracceranno in maniera netta il modello di Unione a cui aspirano. Le forze politiche tradizionali sono dunque avvertite.

segui @fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia