La fatica di arrivare alla fine del mese | T-Mag | il magazine di Tecnè

La fatica di arrivare alla fine del mese

Restano negativi i giudizi sulla situazione economica delle famiglie. Il monitor economico di Tecnè per TGCOM24

tasse_spesa_pubblicaIl 92% degli italiani giudica negativamente la situazione economica dell’Italia. Cresce invece la percentuale, ora al 41%, di chi ritiene che l’economia italiana possa migliorare fra 12 mesi. Mentre resta molto alta (all’81%) la quota dei lavoratori dipendenti che reputa “insicuro” il proprio posto di lavoro. Questo è quanto emerge dal monitor economico di Tecnè per TGCOM24. Il discorso non cambia nel momento in cui agli intervistati è stato chiesto di esprimere un giudizio sulla situazione economica del proprio nucleo familiare rispetto ad un anno fa: il 94% lo giudica negativamente, il 6% in modo positivo. Tre italiani su dieci (il 30%) sostengono invece che tra dodici mesi la situazione sarà migliore. Giudizi forse influenzati dalla capacità – o meno – di sostenere le spese settimanali senza attingere ai propri risparmi. Il 13% ha dichiarato di esserci riuscito, il 31% ha invece ammesso di “averli utilizzati”. Mentre il 56% ha confessato di aver avuto “entrate e uscite in equilibrio”. E così buona parte degli italiani (l’82%) ha deciso di – o sono stati costretti a – ridurre la quantità o ad acquistare prodotti di qualità inferiore. Mentre solo il 18% è riuscito a comprare “tutto quello di cui aveva bisogno come 12 mesi fa”.
Il 60% (ovvero il 15% in più rispetto a dodici mesi fa) ha ridotto le spese per l’acquisto di prodotti tecnologici. L’89% (+15%) ha ridotto le spese dedicate al tempo libero, ristoranti, palestra e cinema. Aumenta anche la percentuale (+15%) di chi ha deciso di ridurre le spese per la salute (analisi cliniche, dentista, visite specialistiche ecc.), attualmente a quota 47%, e di chi ha ridotto le spese per la cultura, la formazione e lo studio, ora al 41% (+14% rispetto a dodici mesi fa). Il monitor economico certifica inoltre che molti italiani hanno ridotto, rispetto ad un anno fa, la quantità di molti alimenti acquistati settimanalmente. Il 45% (+11%) ha dichiarato di aver rinunciato al pesce, il 44% (+11%) agli insaccati e stagionati e il 37% (+12%) alla carne. Inferiore la percentuale degli italiani che ha ammesso di aver rinunciato alla pasta (il 20%), al latte (20%) e al pane (19%). Si è ridotta notevolmente (-12% rispetto ad un anno fa) infatti la quota degli italiani che ammette, “in base ai consumi, al bilancio familiare e alla condizione lavorativa”, di non dover affrontare nessuna difficoltà economia, ora al 25%. Cresce così sia la percentuale degli intervistati che ha dichiarato di “faticare ad arrivare alla fine del mese” (+5%) sia di quelli che ha confessato di essere “in difficoltà economica” (+7%) e adesso rispettivamente al 40% e al 35%. Infine: come già anticipato, l’81% dei lavoratori dipendenti reputa il proprio posto di lavoro “insicuro”. Soltanto a luglio era al 30%.

Il sondaggio è stato effettuato il 1° aprile 2014 con metodo Cati su un campione probabilistico articolato per sesso, età, area geografica, ampiezza centri con ponderazione all’universo sociodemografico composto da 1.000 intervistati. Margine d’errore +/- 3,1%.

Sfoglia in pdf il monitor economico di Tecnè

 

Scrivi una replica

News

Ue, la Commissione europea propone la sospensione del Patto di Stabilità anche nel 2021

«Sulla base delle indicazioni attuali, la clausola di salvaguardia generale», che da un anno ha sospeso il Patto di Stabilità e crescita, «rimarrebbe attiva nel…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, nuova missione per Samantha Cristoforetti

Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana dell’Esa, tornerà sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) nella primavera del prossimo anno. Il programma prevede, tra le altre cose,…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Parlamento europeo, partito di Orban lascia Ppe

«Gli emendamenti delle regole del gruppo del Ppe sono chiaramente una mossa ostile contro Fidesz. Limitare i nostri eurodeputati nella loro capacità di rappresentare i…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, uccisi altri sei protestanti

Durante le proteste antigolpe, l’esercito militare birmano ha ucciso altri 6 manifestanti, portando così a 12 i totale delle vittime dall’inizio delle proteste.…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia