Cala ancora il potere d’acquisto delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cala ancora il potere d’acquisto delle famiglie

consumi2Le difficoltà economiche delle famiglie italiane sono certificate dalla contrazione dei consumi che, sebbene un lieve aumento del reddito disponibile, è diminuito ulteriormente dell’1,1% nel 2013 (tenuto conto dell’inflazione) rispetto al 2012. Spiega infatti l’Istat che l’anno scorso il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato dello 0,3%. Nell’ultimo trimestre del 2013 è risultato invariato rispetto al trimestre precedente mentre è cresciuto dell’1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2012.
Il potere di acquisto delle famiglie consumatrici, appunto, nel 2013 è diminuito dell’1,1%. Nel quarto trimestre del 2013 è risultato in leggera diminuzione rispetto al trimestre precedente (-0,1%) mentre è aumentato dello 0,4% rispetto al quarto trimestre del 2012. Nel 2013 la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 9,8%, registrando un aumento di 1,4 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Nel quarto trimestre del 2013, al netto della stagionalità, è stata pari al 10,2%, sostanzialmente invariata rispetto al trimestre precedente (+0,1 punti percentuali) ma in significativo aumento (+1,7 punti percentuali) rispetto al corrispondente trimestre del 2012.
Le difficoltà sono però evidenti. L’ultimo monitor economico di Tecnè sottolinea come, a fronte di un 92% di cittadini che giudica negativamente la situazione economica dell’Italia, cresce la percentuale (+5%) di quanti hanno dichiarato di “faticare ad arrivare alla fine del mese”.
Secondo le recenti stime di Confcommercio, potrebbero volerci 33 anni per tornare ai livelli di consumo di beni durevoli precedenti alla crisi. In pratica, ipotizzando una variazione annua dell’1%, bisognerà attendere il 2046 per tornare al 2007. Andrebbe meglio al solo settore degli alimentari, per cui dovrebbero bastare 12,5 anni. Con una crescita del 3%, invece, servirebbero 12 anni per i beni e quattro per il cibo. Ma – avverte Confcommercio – “i limiti strutturali dell’economia suggeriscono di considerare l’ipotesi di crescita all’1% come la più probabile, al 3% come la meno probabile”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia