Da inizio crisi persi 556 posti di lavoro al giorno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Da inizio crisi persi 556 posti di lavoro al giorno

disoccupati_precari_lavoroTra l’aprile del 2008 e il marzo del 2014 l’Italia ha perso una media di 556 posti di lavoro al giorno, per un totale di 1.201.500. Solo nell’ultimo anno preso in esame, da marzo 2013 a quello dell’anno in corso, i posti persi sono stati 124.200, per una media di 340 al giorno. Ad oggi il tasso di disoccupazione italiano si attesta al 12,7% contro l’11,8% della media europea. Non è una novità la situazione del mercato del lavoro dei più giovani: in questo caso la disoccupazione nel nostro Paese si attesta al 42,7% mentre la media Ue è del 23,7%. E’ quanto emerge dal Rapporto sul mercato del lavoro stilato da Confartigianato.
Nell’analisi la Confederazione ricorda che i disoccupati italiani sono 3.247.700, ai quali si aggiungono 1.703.500 di scoraggiati e altri 330.900 cassintegrati. Le persone che vivono dunque le gravi difficoltà del mercato del lavoro sono in tutto 5.282.100.
Gli under 25 che riescono a conciliare il lavoro con lo studio sono solo il 2,2% contro il 14% della media europea. Un gap che sottolinea i problemi e le difficoltà legate al sistema formativo e la mancanza di comunicazione tra scuola e lavoro. Altro dato allarmante è quello relativo agli abbandoni scolastici per gli studenti compresi tra i 18 ed i 24 anni: in Italia il dato si attesta al 17,1% mentre nell’Ue al 12,8%.
Per Confartigianato a dare scacco alle opportunità di trovare lavoro, oltre alla crisi, hanno contribuito gli interventi normativi che hanno penalizzato l’apprendistato. Un contratto, quello a valenza formativa, che nel 2013 ha consentito l’11,5% delle assunzioni delle imprese artigiane (contro l’8,7% degli apprendisti assunti dal totale delle imprese presenti sul territorio italiano). Ebbene, in confronto al 2012, le assunzioni di apprendisti sono crollate del 33,8%, contro un calo del 16% del totale delle imprese.
Le uniche aziende che tra il 1992 ed il 2013 hanno offerto opportunità di lavoro sono state quelle private del manifatturiero, delle costruzione e dei servizi, che in totale hanno dato lavoro, nel corso del periodo preso in considerazione, a 2.328.000 unità, per un aumento di 194.000 occupati all’anno. .
Tendenza inversa per la pubblica amministrazione, i settori della finanza e delle assicurazioni e l’agricoltura che hanno perso 468.000 posti di lavoro.

Il lavoro irregolare
L’occupazione irregolare del nostro Paese coinvolge 2.862.300 unità di lavoro, per il 12,1% dell’occupazione complessiva. Il 21% di questi, quindi 603.500 unità, sono titolari di attività indipendenti: imprenditori abusivi, ovvero concorrenza disonesta per le imprese a regola. Numeri che rappresentano, a detta della Confartigianato, la dura conseguenza dell’eccessiva pressione fiscale sui salari: nel nostro Paese il cuneo fiscale, al 47,8%, supera di quasi 12 punti percentuali la media Ocse, ferma al 35,9%.

 

Scrivi una replica

News

Gran Bretagna, 2mila evacuati a Manchester per la tempesta Christoph

A causa della tempesta Christoph, circa 2mila abitazioni sono state evacuate nell’area di Manchester. La tempesta ha causato allagamenti in varie parti del Paese.…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Biden: «Le nostre sfide sono il vaccino, l’economia e il razzismo»

«La distribuzione e la somministrazione del vaccino contro il Covid sono la maggiore sfida logistica americana, insieme al salvataggio l’economia». Lo ha detto il presidente…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti ringraziano l’Oms per l’impegno contro il coronavirus

La nuova amministrazione americana ha ringraziato l’Oms per il suo contributo nella lotta contro il coronavirus. Gli Stati Uniti hanno anche assicurato il loro sostegno…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Con Biden, angeli migliori sconfiggano le forze del male»

«Con la cooperazione di entrambe le parti, l’auspicio è che ‘gli angeli migliori’ nelle relazioni Cina-Usa possano battere le forze del male». Lo ha detto…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia