In calo le stime su inflazione e disoccupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

In calo le stime su inflazione e disoccupazione

bce“Le aspettative di inflazione a medio-lungo termine per l’area rimangono saldamente ancorate in linea con l’obiettivo del Consiglio direttivo di mantenere i tassi di inflazione su livelli inferiori ma prossimi al 2%”. Così la Banca centrale europea nel bollettino di maggio. “In prospettiva – si legge ancora -, il Consiglio direttivo seguirà gli andamenti economici e i mercati monetari con molta attenzione. Esso manterrà un elevato grado di accomodamento monetario e interverrà con prontezza, se necessario, attraverso un ulteriore allentamento della politica monetaria. Il Consiglio direttivo ribadisce con fermezza che continua ad attendersi tassi di interesse di riferimento della BCE su livelli pari o inferiori a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo. Tale aspettativa si fonda su prospettive di inflazione complessivamente contenute anche nel medio termine, tenuto conto della debolezza generalizzata dell’economia, del grado elevato di capacità inutilizzata e della modesta creazione di moneta e credito”.
Per quanto riguarda il quadro economico, la Bce ha rilevato che nell’ultimo trimestre del 2013 il Prodotto interno lordo dell’Eurozona è cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. Secondo l’analisi, tra marzo ed aprile l’inflazione è cresciuta dello 0,2%, passando dallo 0,5% allo 0,7%, e continuerà a mantenersi bassa per i prossimi mesi (0,9% alla fine del 2014), aumentando più sostanzialmente nel 2015 (1,5%) e portandosi vicino al 2% entro la fine del 2016 (si stima al 1,7%).
Le stime di crescita per l’anno in corso sono state riviste al rialzo: gli economisti prevedono per l’Eurozona una crescita dell’1,1% per il 2014 (in aumento dello 0,1% rispetto alle stime precedenti), mentre lasciano invariate le stime per il 2015 ed il 2016. Rispettivamente al +1,5% e al +1,7%.
I recenti dati, spiegano ancora dall’Eurotower, e gli indicatori delle ultime indagini congiunturali confermano che la moderata ripresa in atto è proseguita nel primo trimestre del 2014 e all’inizio del secondo. In prospettiva, la domanda interna dovrebbe continuare a essere sostenuta da una serie di fattori, fra cui l’orientamento accomodante della politica monetaria, i continui miglioramenti delle condizioni di finanziamento che si trasmettono all’economia reale, i progressi compiuti sul fronte del risanamento dei conti pubblici e delle riforme strutturali nonché l’evoluzione dei prezzi dell’energia. Al tempo stesso, benché i mercati del lavoro si siano stabilizzati e mostrino i primi segnali di miglioramento, la disoccupazione resta elevata nell’area dell’euro, unitamente a una capacità produttiva inutilizzata che permane nel complesso considerevole. Il tasso di disoccupazione si attesterà all’11,8% (rivista al ribasso dello 0,3%) nel 2014, all’11,5% (al ribasso dello 0,2%) nel 2015 e all’11% nel 2016. Per il 2018 si stima un tasso al 9,5%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia