La corruzione diffusa secondo gli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

La corruzione diffusa secondo gli italiani

Anche le istituzioni europee non godono di particolare fiducia da parte degli italiani. Così il monitor politico di Tecnè per TGCOM24

corruzioneIl 79% degli italiani ha ammesso di non essere rimasto sorpreso dalle presunte tangenti per orientare gli appalti all’Expo di Milano. Una reazione forse inevitabile in un Paese dove il 93% dei cittadini sostiene che la corruzione sia “abbastanza” diffusa. Questo è quanto emerge dal monitor politico di Tecnè per TGCOM24. Il 67% del campione è anche convinto che “il fenomeno della corruzione è più diffuso in Italia rispetto a Paesi come la Francia, la Germania e l’Inghilterra”, per il 19% “è presente in tutti i Paesi”. Mentre soltanto per il 2% la corruzione “è meno diffusa” in Italia. Più equilibrate le percentuali nel momento in cui agli intervistati è stato chiesto “se negli ultimi due anni i fenomeni di corruzione sono aumentati o diminuiti”. Il 46% si dice convinto che sono cresciuti di numero, per il 44% “sono rimasti allo stesso livello”.

Gli italiani e l’Europa
Nel corso dell’indagine è stato poi chiesto agli intervistati di esprimere un parere sull’Unione europea, considerato che tra pochi giorni (il 25 maggio) saremo chiamati a rinnovare il Parlamento di Strasburgo. Molto basso, risulta dal monitor di Tecnè, è il grado di fiducia degli italiani nei confronti delle Istituzioni. Il 70% ha ammesso di non aver fiducia in quelle europee (ma sono di più, l’85%, quelli che dichiarano di non avere fiducia in quelle nazionali e le percentuali non cambiano di molto quando si passa alle Istituzioni regionali e locali). Addirittura l’83% ritiene che l’Italia sia ai margini dell’Unione, ritenendola perciò ininfluente in sede comunitaria sul piano decisionale.

Il bilancio familiare e la sicurezza del posto di lavoro
La maggior parte degli italiani appare sfiduciata nei confronti non solo delle istituzioni, ma anche del futuro che è legato soprattutto alla propria condizione occupazionale. Il 57% delle famiglie sono riuscite e tenere in equilibrio le entrate e le uscite, mentre il 31% è dovuto ricorrere ai risparmi o contrarre un debito e solo il 12% è riuscito a risparmiare. L’82% ha ridotto la quantità o acquistato prodotti di qualità inferiore. L’83% dei lavoratori dipendenti, infine, ammette che continua a percepire come “insicuro” il proprio posto di lavoro.

Il sondaggio è stato effettuato il 13 maggio 2014 con metodo Cati su un campione probabilistico articolato per sesso, età, area geografica, ampiezza centri con ponderazione all’universo sociodemografico e politico composto da 1.000 intervistati. Margine d’errore +/- 3,1%.

Sfoglia il monitor Tecnè-TGCOM24 in pdf

 

1 Commento per “La corruzione diffusa secondo gli italiani”

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia