Perché i giovani lasciano l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché i giovani lasciano l’Italia

giovani_esteroGià dagli anni in cui frequentano l’università, o addirittura il liceo, il 48,9% dei giovani italiani pianifica di trasferirsi all’estero. Un dato che cresce arrivando a toccare anche il 52% nel Nord del Paese. Oltre il 60% dei giovani con meno di 30 anni vede l’Europa come una opportunità mentre il 26,54% la vede più come un vincolo sul proprio futuro.
È quanto emerge dal Rapporto Giovani dell’Istituto Toniolo, realizzato in collaborazione con la Cattolica di Milano, Intesa San Paolo e la Fondazione Cariplo.
“In sé – spiega al Sole 24 Ore Alessandro Rosina, professore di demografia e statistica dell’Università Cattolica di Milano – il fenomeno non è una novità: alcuni studenti italiani hanno sempre progettato di andare all’estero in via definitiva. Ma ora siamo su percentuali che superano il 50%: un tempo non si andava oltre un caso quattro, un caso su cinque. Prima ci si laureava e ci si scontrava con il mercato del lavoro. Ora si intuisce da subito che ci sarà ben poco da fare, se si resta qui”.
Per quanto, dopo gli Stati Uniti, l’Europa sia la metà preferita dai giovani, gran parte degli intervistati si dichiara comunque insoddisfatto del progetto europeo come pensato e realizzato fino ad oggi. Il 60% dei maschi e il 54% delle femmine auspica piuttosto una serie di cambiamenti in futuro, vedendo positivamente la creazione degli Stati Uniti d’Europa e tutte le opportunità che ne scaturiranno.
Secondo l’associazione Italents, il 50% degli intervistati è espatriato per motivi legati al reddito. Ben più alto il dato di quanti decidono di lasciare l’Italia per motivi di trasparenza e meritocrazia per quanto riguarda le assunzioni e la carriera, l’80%. Il 75% spiega di voler lasciare, o di aver lasciato, il Paese perché all’estero è più alta la possibilità di disporre di migliori strumenti e condizioni per svolgere al meglio la propria attività.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia