Il calo dei consumi frena le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il calo dei consumi frena le imprese

pil_crisi_economicaSecondo quanto emerso da uno studio realizzato da Unioncamere, che prende in esame i risultati del primo trimestre e le previsioni sul secondo, i consumi delle famiglie, ancora fermi, “non consentono alle imprese del commercio e dei servizi di portare in positivo il bilancio delle vendite”. In particolare nei primi tre mesi dell’anno il settore commerciale ha registrato un -3,7% nelle vendite. Leggermente più lieve il calo registrato da quello dei servizi: -2,6%. Rimangono cauti i giudizi riguardo la ripresa: “l’ampia maggioranza delle imprese (tra i due terzi del commercio e i tre quarti degli altri servizi) – spiega Unioncamere – si schiera a favore di un andamento degli affari sostanzialmente piatto anche nel secondo trimestre dell’anno”.

Il primo trimestre

In particolare, sebbene ci si aspettasse un lieve miglioramento rispetto ai trimestri precedenti, il dato relativo alle vendite commerciali si è attestato ancora una volta ampiamente sotto lo zero. “La perdita di fatturato – si legge ancora nell’analisi – continua a essere di entità rilevante tra le imprese con meno di 20 dipendenti (-4,5%), ma è comunque consistente anche tra quelle di dimensioni maggiori, compresa la grande distribuzione organizzata (-1,6%). Le sofferenze si concentrano soprattutto tra le imprese delle regioni centrali (che registrano una perdita del 5%) e tra quelle del Mezzogiorno (-4,2%). Nord-Ovest e Nord-Est, invece, contengono la flessione rispettivamente al -2,8% e al -2,5%”.
Il settore più colpito è quello del commercio al dettaglio non alimentare, con un -4,2%; seguito dal Food, con una calo del 3,4%. La contrazione della grande distribuzione si attenua leggermente mostrando un -1,6%.
Per Unioncamere il desiderio di voltare pagina con la crisi “induce il 24% delle imprese commerciali ad attendere un miglioramento del proprio fatturato tra aprile e giugno prossimo, mentre il 10% prevede una riduzione ulteriore delle vendite. La componente più cospicua, tuttavia, resta quella degli imprenditori che non si aspettano modifiche del quadro attuale (sono il 66%). Le maggiori attese di recupero interessano iper e supermercati e le imprese di maggiori dimensioni”.
Per quanto riguarda invece i servizi, il settore si è mostrato leggermente i salita rispetto ai trimestri precedenti, rimanendo comunque, anche in questo caso, in negativo: il comparto degli Alberghi, dei ristoranti e dei servizi turistici ha chiuso il primo trimestre al -4,1%, la voce altri servizi mostra invece un -3,9%, mentre il Commercio all’ingrosso e autoveicoli chiude con un -3,2%.
Il calo del fatturato è stato più marcato al Centro, con un -3,9%, e nel Nord-Ovest, con il -2,7%. Al Sud e nelle Isole il dato scende del 2,3%) e nel Nord-Est dell’1,7%.

Le previsioni per il secondo trimestre

Estremamente caute le previsioni per il II trimestre dell’anno: il 74% delle imprese, infatti, si schiera a favore di una prosecuzione dell’attuale andamento del mercato. Il 18% degli operatori prevede invece un miglioramento delle vendite, a fronte di un ulteriore 8% che attende una loro riduzione. Le più ottimiste sono le imprese del segmento turistico (+37 punti percentuali il saldo tra attese di incremento e di riduzione delle vendite, anche come effetto dell’incremento della domanda per le festività e i ponti di primavera). Sul fronte opposto, i Servizi alle persone e gli Altri servizi, nei quali la quota di imprese che attende un miglioramento del fatturato è pari a quella che prevede un suo ridimensionamento.

(fonte: Unioncamere)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia