Le università dei Paperoni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le università dei Paperoni

di Matteo Buttaroni

harvardL’Istituto di ricerca WealthInsight, in collaborazione con la rivista Spear’s, ha stilato un Rapporto in cui classifica le università che formano più miliardari al mondo. L’indagine condotta su 70mila magnati di 200 Paesi pone ai primi posti, come succede in quasi tutti i ranking riguardanti le virtuosità degli istituti, quelle nord americane e quelle britanniche.
Sul podio troviamo in ordine Harvard, Harvard Business School e Stanford University, al quarto posto segue la University of California, al quinto la Columbia, e al sesto Oxford. Il Mit di Boston occupa il settimo posto mentre all’ottavo si piazza la New York University. Cambridge e University of Pennsylvania chiudono la top ten rispettivamente al nono e decimo gradino.
La prima università italiana a comparire nella classifica è la Bocconi, al 24esimo posto, mentre la Sapienza di Roma occupa il 90esimo. Le posizioni ottenute dagli atenei italiani fanno sì che il nostro Paese occupi il settimo posto nella graduatoria mondiale per la formazione di miliardari: in ordine troviamo, Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Francia, India, Germania, Italia, Cina, Russia e Svezia.
Dall’indagine è inoltre emerso che, mentre in passato i magnati prediligevano indirizzi come legge, economia, commercio, finanza o scienze politiche, oggi la facoltà che va per la maggiore è ingegneria. Tuttavia, spiega WealthInsight nel Rapporto, “molti ingegneri non sono di fatto ingegneri, ma imprenditori”. Del resto, gli imprenditori saliti alla ribalta qualche anno fa, nonostante avessero conseguito lauree in giurisprudenza, hanno poi allargato i propri orizzonti alla finanza. In un mercato sempre più tech come quello di oggi non c’è da stupirsi se a prendere sempre più piede saranno indirizzi come quello informatico o quello dell’ingegneria informatica.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia