Le dichiarazioni dei redditi della squadra di governo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le dichiarazioni dei redditi della squadra di governo

governo renziSono state pubblicate le cifre inerenti le dichiarazioni dei redditi della squadra di governo guidata da Matteo Renzi. Tutti i redditi sono inferiori alla metà del tetto imposto per i manager pubblici (240mila euro lordi l’anno) e, in particolare, il premier, il ministro dell’Economia Padoan e il ministro del Lavoro Poletti guadagnano meno oggi che in passato quando, rispettivamente ricoprivano le cariche di sindaco di Firenze, vicesegretario all’Ocse e presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane.
Renzi da sindaco guadagnava infatti 145.272 euro lordi l’anno contro i 114.768,68 euro lordi attuali (reddito attuale di tutti i ministri, eccezion fatta per Maria Elena Boschi). Intestate ha una casa, in comproprietà con la moglie Agnese, di 12,5 vani, e un altro fabbricato di 57 metri quadrati a Pontassieve, località nei pressi di Firenze. Auto non ne risultano, in quanto la Volkswagen Sharan appartiene di fatto alla moglie.
Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, lo scorso anno, in veste di vice segretario e capo economista dell’Ocse, aveva un reddito di circa 216.000 euro (non soggetto a tassazione italiana perché residente e dipendente all’estero). Possiede un appartamento e box nella Capitale.
Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, proprietario di due fabbricati ad Agrigento e comproprietario di un terreno a Sant’Angelo Muxaro, nel 2012 percepiva un reddito di 106.616 euro lordi. Tra le proprietà risultano anche una Daewoo Matiz, una Fiat Panda e una Renault Twizy elettrica.
Giuliano Poletti, ministro del Lavoro, per il 2012 ha dichiarato 192.623 euro lordi, un fabbricato a Mordano e terreni adiacenti di diecimila metri quadri.
Il ministro per lo Sviluppo economico, Federica Guidi nel 2012 ha dichiarato un reddito da 298.708 euro lordi. Tra le proprietà compaiono alcuni fabbricati a Castel Nuovo Rangone e Forte dei Marmi.
Maria Carmela Lanzetta, ministro per gli Affari Regionali, non ha riscontato grandi perdite dal punto di vista del reddito. Nel 2012 ha portato a casa 119.479 euro. Abbastanza vasto risulta però il suo patrimonio immobiliare. Lanzetta vanta infatti due case di categoria A2 ed una casa popolare a Roma: altre due case le possiede a Monasterace. Di altre quattro case e un magazzino possiede il 50% e di altre case e cinque magazzini è titolare di una quota compresa tra il 3,8 e il 16,66%.
Il ministro a percepire meno è Maria Elena Boschi: 98.471 euro. Il numero uno del dicastero per le Riforme percepisce lo stipendio da deputata. E’ proprietaria di una Mercedes Classe B ma non possiede immobili.
Situazione simile anche per Marianna Madia, ministro per la Pubblica Amministrazione,. Anch’essa, in quanto palrmanetare non può percepire lo stipendio da ministro. Il suo reddito nel 2012 ammontava a 98.471 euro. Possiede un fabbricato e un box a Roma e la nuda proprietà di tre altri fabbricati. Ha intestata una FIat Panda del 2009.
Graziano Delrio, guadagna di pi rispetto a quando era sindaco di Reggio Emilia, dalla dichiarazione dei redditi del 2012 risultano 97.492 euro, tre fabbricati a Bocenago, un fabbricato e un box a Reggio Emilia e due terreni ad Albinea.
Federica Mogherini, ministro degli Esteri, nel 2012 ha dichiarato 103.287 euro lordi, un appartamento a Roma, un altro a Santa Marinella e la nuda proprietà di un appartamento a Parigi. Possiede inoltre una Kia Rio.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia