Soddisfazione e delusione. Le reazioni dopo il voto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Soddisfazione e delusione. Le reazioni dopo il voto

salviniÈ emerso un leggero disappunto dalle parole di Roberta Lombardi che, facendosi portavoce del Movimento 5 Stelle, ha spiegato: “Noi siamo abituati, come stile di lavoro, a basarci su fatti. Sono dati talmente aleatori che non ci permettono di esprimere una valutazione. Francamente, ci sembra che i dati siano esigui per una valutazione compiuta”. Questo però quando ancora le sezioni scrutinate erano appena 16 mila su 60 mila e più.
Tutt’altra reazione, ovviamente, quella del Partito democratico, che stravince la tornata elettorale. Il premier Matteo Renzi si è espresso con un semplice tweet: “Un risultato storico. Sono commosso e determinato adesso al lavoro per un’Italia che cambi l’Europa. Grazie #unoxuno #senza paura”. Più parole, ma stessa sostanza, da parte del vicesegretario del Pd, Debora Serracchiani, e da parte del ministro Maria Elena Boschi, che spiegano che il Pd è insieme a quello di Angela Merkel in Germania “l’unico partito al governo che regge”. “Vuol dire che è stato capito il senso del lavoro del governo per le riforme”. Dal canto suo Boschi ha sottolineato comunque che non sussiste “nessuna minaccia di voto anticipato, c’è un programma di governo che abbiamo intenzione di portare avanti. Vogliamo lavorare negli interessi dei cittadini”.
Per Gaetano Quagliariello “gli elettori del Nuovo Centrodestra hanno deciso di votare responsabilmente, ma scegliendo direttamente Renzi, bypassandoci. Forse qualcosa in più ci si poteva aspettare. Tuttavia per un partito che si presenta per la prima volta, se riuscissimo a superare la soglia, noi ci riterremmo soddisfatti. E Alfano ha fatto il suo dovere”.
Dalla parole di Giovanni Toti emerge la delusione di Forza Italia: “Per FI sono dati che non possono soddisfarci. Paghiamo un prezzo, ma non sono dati drammatici: sommando i numeri di Forza Italia con quelli di Ncd siamo in linea con le percentuali delle Politiche passate”.
Piena soddisfazione, invece, per Matteo Salvini. Il segretario della Lega ha così commentato i primi risultati dalle urne: “Ci davano per morti, invece ci siamo. È l’inizio della fine di questa Europa, ne costruiremo un’altra: sono molto contento e orgoglioso di aver cominciato a collaborare con Marine Le Pen da mesi. A brevissimo ci incontreremo per definire l’alleanza. Abbiamo passato anni difficili ma la nostra scelta sembra aver pagato. L’Europa che sembra disegnarsi è completamente nuova. Certamente per la Lega, che veniva data da molti per morta e addirittura al di sotto della soglia minima per accedere all’Europa, se i dati saranno questi, sarebbero davvero entusiasmanti”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia