Unimpresa: “In cinque anni persi oltre un milione di posti di lavoro” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Unimpresa: “In cinque anni persi oltre un milione di posti di lavoro”

In cinque anni di crisi in Italia è andato perso oltre un milione di posti di lavoro. Dal 2008 al 2013 nel nostro Paese gli occupati sono scesi da 25,1 milioni a 24,1 milioni con un calo di oltre 1 milione di unità (-4,32%). Nell’area euro occupazione è risultata in caduta del 3,25% (-4,9milioni) da 150,8 milioni a 145,9 milioni. Unica eccezione è la Germania (+3,25%) che ha dato impiego a 1,8 milioni di persone in più (da 40,7 milioni a 42,2 milioni). Questi i dati principali di un rapporto del Centro studi Unimpresa che ha analizzato l’andamento del mercato del lavoro in Italia e nell’area euro dal quarto trimestre 2008 al quarto trimestre 2013.
L’analisi di Unimpresa – basata su dati Banca d’Italia, Eurostat e Istat – mette in luce che nell’area euro (Unione europea a 18) l’occupazione è calata complessivamente da 150,8 milioni a 145,9 milioni: i posti di lavoro in meno pertanto sono 4,9 milioni (-3,25%). Dentro i nostri confini, in media si sono persi 200mila posti di lavoro l’anno. Gli occupati erano 25,1 milioni a dicembre 2008 mentre già nel 2009 (quarto trimestre) erano calati a quota 24,1 milioni. Ancora una diminuzione nel 2010 (quarto trimestre) a 24 milioni e 676mila unità, ancora giù a fine 2011 a 24 milioni e 575mila unità e in calo dopo altri dodici mesi (dicembre 2012) con 24 milioni e 520mila unità occupate. L’ultima istantanea, quarto trimestre 2013, restituisce una fotografia a tinte fosche: i posti di lavoro sono 24,1 milioni e ris petto all’inizio della crisi (quarto trimestre 2008) sono andati persi, dunque, 1 milione e 86mila posti di lavoro con un calo percentuale pari al 4,32%.
Non solo l’Italia, comunque, vede diminuire l’area dell’occupazione. Fra i principali paesi che adottano la moneta unica, il quadro è negativo anche in Francia e Spagna. Nel dettaglio, in Francia nel quarto trimestre 2008 gli occupati erano 27,1 milioni mentre a dicembre 2013 risultavano 26,9 milioni: i posti di lavoro persi sono 102mila (-0,37%). In caduta libera l’occupazione in Spagna che ha assistito a un crollo della forza lavoro: da 20,2 milioni a 17,2 milioni, gli occupati in meno sono 2,9 milioni (-14,67%). In controtendenza la Germania: l’occupazione tedesca, nonostante la crisi finanziaria internazionale e la recessione che ha colpito l’Europa e il resto del Mondo, è aumentata del 4,52% da 40,7 milioni a 42,3 milioni con una crescita di 1,8 milioni di posti di lavoro.

(fonte: Unimpresa)

 

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia