I numeri delle ecomafie nel 2013 | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri delle ecomafie nel 2013

di Matteo buttaroni

ecomafieSono state 29.274 (-14% sul 2012) le infrazione accertate nel 2013: più di 80 al giorno e di tre all’ora. Questo è quanto sostanzialmente emerge dal Rapporto 2014 di Legambiente sulle ecomafie.
Nel 25% le illegalità hanno riguardato il settore agroalimentare, nel 22% la fauna, nel 15% i rifiuti e nel 14% la cementificazione. Il fatturato illecito delle ecomafie è stato pari a 15 miliardi di euro, contro i 16,7 miliardi dell’anno precedente. Il calo è strettamente legato ad una sorta di spending review: la lieve flessione, si legge nel Rapporto, del businness ecocriminale si deve al calo degli investimenti a rischio, passati da 7,7 a 6. Diminuendo la spesa pubblica diminuiscono anche le occasioni di guadagno per le cosche.
Nel nostro Paese, avverte l’associazione ambientalista, “vige – tuttavia – ancora una legislazione a tutela dell’ambiente del tutto inadeguata, a carattere sostanzialmente contravvenzionale e basata su una vecchia impostazione che riconosce massimamente le ragioni dell’economia tralasciando i costi ambientali, sanitari e sociali”. Non solo, ancora una volta Legambiente punta il dito contro l’immobilismo della politica e contro quei funzionari e dipendenti pubblici che troppo spesso si prestano al gioco delle ecomafie. Basti pensare che tra gennaio del 2013 ad aprile 2014 sono state sciolte 21 amministrazioni comunali per condizionamento o infiltrazioni mafiose.
Entrando nel dettaglio delle singole tipologie di crimini si può osservare che i reati legati al ciclo dei rifiuti sono aumentati del 14,3% (da 5.025 a 5.744). Il 40% di questo tipo di reati avviene nelle quattro regioni con il più alto insediamento mafioso: Campania, Puglia, Calabria e Lombardia. Le città più colpite sono invece Napoli, Roma, Reggio Calabria e Salerno.
Aumentano anche i crimini legati al ciclo dell’agroalimentare. In questo caso l’aumento è stato di quasi il doppio (si è passato dai 4.173 reati del 2012 ai 9.540 del 2013). Tra il commercio illegale di specie protette, il bracconaggio, gli allevamenti illegali, la pesca di frodo, i maltrattamenti di animali e i combattimenti clandestini, i reati legati alla fauna sono cresciuti del 6,6%. Le Regioni più colpite sono state Sicilia, Campania e Puglia. Buone notizie solo sul fronte dei reati legati al ciclo del cemento: nel 2013 si è registrato un calo del 12,7% rispetto all’anno precedente (da 6.310 a 5.511).

segui @MatteoButtaroni

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia