Istat, a maggio inflazione in calo dello 0,5% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, a maggio inflazione in calo dello 0,5%

Nel mese di maggio 2014, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,1% rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,5% nei confronti di maggio 2013 (da +0,6% di aprile), confermando la stima preliminare.
Il lieve calo dell’inflazione è principalmente dovuto alla decelerazione della crescita tendenziale dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti e all’accentuarsi della diminuzione dei prezzi degli Alimentari non lavorati.
Questa dinamica è in parte bilanciata dall’aumento su base annua dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (in flessione nei nove mesi precedenti).
Pertanto, l'”inflazione di fondo”, al netto degli alimentari freschi e dei beni energetici, scende allo 0,8% (dall’1,0% di aprile) e al netto dei soli beni energetici si porta allo 0,6% (da +0,9% del mese precedente).
La diminuzione mensile dell’indice generale è da ascrivere principalmente ai cali dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-1,7%) – su cui incidono fattori stagionali – e dei Servizi relativi alle comunicazioni (-1,1%).
L’inflazione acquisita per il 2014 è stabile allo 0,3%.
Rispetto a maggio 2013, i prezzi dei beni diminuiscono dello 0,1% (era -0,2% ad aprile) e il
tasso di crescita dei prezzi dei servizi scende allo 0,9% (da +1,4% del mese precedente). Pertanto, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si riduce di sei decimi di punto percentuale rispetto ad aprile 2014.
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona crescono dello 0,1% in termini sia congiunturali sia tendenziali, con un rallentamento della crescita su base annua di quattro decimi di punto percentuale rispetto ad aprile (+0,5%).
I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano rispetto al mese precedente e crescono dello 0,5% nei confronti di maggio 2013 (lo stesso valore registrato il mese precedente).
L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,1% su base mensile e cresce dello 0,4% su base annua, in rallentamento di un decimo di punto percentuale rispetto ad aprile (+0,5%). Anche in questo caso, la stima preliminare è confermata.
L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, diminuisce dello 0,1% su base mensile e aumenta dello 0,4% rispetto a maggio 2013. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, la Commissione Ue firma accordo per fornitura di Novavax

La Commissione europea ha reso noto di aver firmato un accordo per la forinntura di cento milioni di dosi, più 100 milioni come opzione aggiuntiva,…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice PMI composito a 60.2 punti

L’attività economica dell’Eurozona è aumentata al tasso più veloce in poco più di 15 anni durante il mese di luglio, con una forte crescita della…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coldiretti: incendi triplicati nell’estate 2021. Danni per milioni di euro

Grandi incendi triplicati in Italia (+203%) nell’estate 2021 con danni per milioni di euro all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto emerge dall’analisi…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il controllo dei NAS negli stabilimenti balneari: irregolarità nel 29% dei casi

Con l’avvio della stagione turistica estiva, i Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno realizzato una campagna di controlli negli stabilimenti balneari e…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia