Cgia: “In due comuni su tre non si paga Tasi sui capannoni” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cgia: “In due comuni su tre non si paga Tasi sui capannoni”

In vista della scadenza prevista per lunedì prossimo (16 giugno), l’Ufficio studi della CGIA fa sapere che in quasi 2 Comuni capoluogo di provincia su 3 non si pagherà la Tasi sui capannoni.

La CGIA è giunta a questo risultato dopo aver analizzato le decisioni prese dai Comuni capoluogo di provincia la cui delibera di approvazione della Tasi è stata pubblicata entro il 31 maggio scorso sul sito del Dipartimento delle Finanze.

Pertanto, i proprietari degli immobili strumentali situati in questi Comuni dovranno versare la prima rata di questo nuovo tributo entro lunedì prossimo. Ebbene, su un totale di 47 Amministrazioni comunali capoluogo di provincia che hanno deliberato l’aliquota Tasi, ben 29 (pari al 61% del totale) hanno deciso di azzerare l’aliquota.

“Una buona parte dei Sindaci – dichiara il Segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – ha capito che la tassazione sugli immobili strumentali ha ormai raggiunto un livello insopportabile. Pertanto, ha deciso di azzerare la Tasi, evitando a molti imprenditori una nuova stangata. Tuttavia, dal 2011 abbiamo assistito ad aumenti fiscali inauditi. L’Imu, infatti, si è dimostrata più pesante dell’Ici, inoltre in questi ultimi anni si è registrato un progressivo aumento della base imponibile su cui vengono calcolate le imposte che ha costretto gli imprenditori a pagare di più”.

Vediamo alcuni esempi.

Entro lunedì prossimo, rispetto a quanto pagato con la prima rata nel giugno 2011, l’importo medio da versare è di fatto raddoppiato, con punte del 180 per cento ad Aosta, del 154 per cento a Biella, del 151 per cento a Lucca, del 143 per cento a Caserta, del 141 per cento a Cagliari e del 130 per cento a Torino.

Per i proprietari dei capannoni ubicati nei Comuni che hanno introdotto la Tasi, gli aumenti rispetto a quanto hanno versato con la prima rata nel 2013 sono comunque di tutto rispetto. Entro lunedì, tra Tasi e Imu a Biella si pagherà mediamente il 43 per cento in più (pari a 965 euro), a Treviso il 35 per cento in più (344 euro) e a Grosseto il 33 per cento in più (117 euro).

“A rendere un po’ meno pesante l’impatto economico di queste imposte – conclude Bortolussi – va ricordato che dal 2013 l’Imu sugli immobili strumentali è parzialmente deducibile, effetto che non abbiamo considerato nei nostri calcoli. Dall’anno scorso, infatti, l’Imu è deducibile dalle imposte dirette IRPEF e IRES nella misura del 30 per cento, soglia che da quest’anno scende al 20 per cento. Mentre la Tasi è per i proprietari degli immobili strumentali interamente deducibile. Infine, si ricorda che rispetto al 2013 per tutti i proprietari di immobili è stata abolita la maggiorazione Tares”.

(fonte: Cgia di Mestre)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è pari a 1,08

Nel periodo compreso tra i 4 e il 17 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,08. Lo rendono…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Ci sono novità nella curva epidemiologica»

«Sono ore impegnative: eravamo a consulto con i nostri esperti per valutare la curva epidemiologica per valutare gli scenari prossimi futuri». Lo ha detto il…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Londra: accordo con UE ancora possibile

Il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, sarà «in viaggio a Londra questa sera per continuare i colloqui con David Frost» in quanto…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Chi arriva a Fiumicino dagli Usa potrà sottoporsi a un test Covid per evitare la quarantena

Da dicembre, i passeggeri dei voli che arriveranno a Fiumicino da alcuni aeroporti degli Stati Uniti – quello di New York JKF, Newark e Atlanta…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia