Poletti: “Italia diventi Paese delle opportunità” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Poletti: “Italia diventi Paese delle opportunità”

“Il primo obiettivo che abbiamo è che bisogna muovere questo Paese che è piantato, fermo. L’assemblea delle industrie calzaturiere ha detto che 120 imprese hanno riportato le loro fabbriche in Italia, l’industria ha dato dei segni importanti, questo Paese un pezzo di infrastruttura imprenditoriale ce l’ha. Come governo, però, non vogliamo domani dire: non è colpa nostra, non ce l’hanno fatto fare, è colpa dell’Europa, del sindacato, dell’opposizione. Noi sbaglieremo perché nel fare rapidamente si sbaglia ma dobbiamo incorporare un tasso di rischio più alto per cambiare. Questo rischio dobbiamo prendercelo. Non c’è gioco delle parti, c’è una responsabilità del Governo. C’è un tema generale della rappresentanza in questo paese. La politica ha preso la sua quota, il resto della società prenderà la propria”, così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, intervenendo alla Festa nazionale della Cisl a Firenze.
Parlando poi della riforma della pubblica amministrazione e del dimezzamento dei permessi sindacali il ministro ha spiegato: “L’ho condivisa perché sono componente di questo governo. La logica non può essere la rottamazione sistematica, ma in questo paese qualcosa da rottamare c’è. Sono per prendere il rischio. Nel momento che tiri una riga c’è un’ingiustizia, qualcosa resta dentro e qualcosa fuori. Noi ci prendiamo il rischio perché abbiamo bisogno di prendere decisioni e praticarle. La cosa peggiore sono le zone grigie. Serve un cambio di passo”.
“Noi – ha poi concluso – dobbiamo smettere di essere il Paese delle rendite, piccole e grandi, ed essere il Paese delle opportunità. Questo Paese non ha mai scelto di essere il Paese delle opportunità, ha scelto di tutelare e difendersi e non di rischiare e la comunità deve mettersi al fianco di chi vuol prendersi il rischio. Io lavorerò perché la mia nipotina abbia delle opportunità e saprà giocarsele”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, principe di Svezia e sua moglie sono positivi

Il principe di Svezia, Carlo Filippo (41 anni) e sua moglie, sono risultati positivi al coronavirus. I contagi in Svezia continuano a salire e tra…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «Decisione su sci è di competenza nazionale»

«La decisione sull’attività sciistica è di competenza nazionale, non europea. Occorre prudenza nel revocare le misure anti-Covid perché questo può provocare la recrudescenza del virus».…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 60milioni di casi nel mondo

Sono 60.392.439 i casi di coronavirus accertati a livello globale dall’inizio della pandemia, con 1.421.308  decessi e 38.704.717 guariti. Lo ha reso noto la John…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa oltre 2400 morti nelle ultime 24 ore

Sono oltre 2400 le morti causate negli Usa nelle ultime 24 dal Covid. Si tratta del bilancio peggiore degli ultimi sei mesi. Il Paese ha…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia