Chi trasmetterà la Serie A per il triennio 2015-2018 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Chi trasmetterà la Serie A per il triennio 2015-2018

di Mirko Spadoni

telecamere-stadioL’assegnazione dei diritti televisivi per il triennio 2015-2018 ha trovato il suo epilogo. E così Sky trasmetterà tutto il campionato di calcio sul satellite, mentre gli abbonati Mediaset potranno vedere soltanto le gare delle cosiddette “big”: Juventus, Milan, Inter, Napoli e Roma (pari però all’86% dello share). Da parte sua, la Lega Serie A ha rinunciato a 130 milioni di euro rispetto a quanto prospettato all’apertura delle buste, incassandone 945: 572 provenienti da Sky i restanti 373 dall’azienda del gruppo Finivest, che tuttavia ottiene la possibilità di trasmettere in esclusiva sul digitale terrestre.
La piattaforma di Rupert Murdoch paga così qualcosina in più rispetto al contratto in essere (8 milioni di euro), riuscendo però a trasmettere 132 partite in esclusiva (78 in più rispetto ad ora). Superiore se confrontata a quella attuale – ferma a 277 milioni di euro – anche la spesa per Mediaset, pari a 373 milioni per un numero inferiore di partite. La questione è semmai è un altra: presentando un’offerta (più alta rispetto a quello delle concorrenti, in realtà) per il pacchetto B (quello assegnato poi da Mediaset), Sky avrebbe voluto – per la prima volta e grazie ad un accordo con Telecom Italia Media Broadcasting – ottenere la possibilità di trasmettere anche sul digitale terrestre. Di qui le ‘proteste’ della società di Cologno Monzese, secondo cui un’eventualità simile avrebbe rappresentato una violazione della legge Melandri oltreché un danno per i consumatori e alla concorrenza. Di diverso avviso Sky, secondo cui l’assegnazione dei diritti televisivi non sarebbe dovuta avvenire “attraverso criteri arbitrari e non previsti dal bando di gara”. Cosa che – sostanzialmente – è avvenuta: Mediaset ha ottenuto il pacchetto B nonostante un’offerta inferiore rispetto a quella di Sky (373 contro 420 milioni di euro). Al di là di tutto, i club hanno quindi rinunciato ad una parte di introiti, quelli provenienti dalla vendita dei diritti televisivi e che rappresenta la parte più consistente degli incassi totali. Secondo l’Annual Review of Football Finance 2013 della Deloitte degli oltre 1,6 miliardi di ricavi, ben 932 sono riconducibili alla cessione dei diritti tv. Piccolo appunto: il budget triennale, su cui potranno contare i club di Serie A, è destinato tuttavia a crescere. Restano infatti da assegnare i pacchetti relativi alla Coppa Italia e alla Supercoppa italiana (dal valore di circa 25 milioni di euro) e quello per i programmi in chiaro, per una cifra compresa e i 20 e 25 milioni.

Assegnati i premi UEFA, Juventus prima tra le italiane
Le società italiane dovrebbero quindi diversificare le fonti di ricavo. Magari anche attraverso la partecipazione alle competizioni continentali come la Champions e l’Europa League, che solo nell’ultima stagione hanno garantito ai club nostrani – in termini di premi partecipazione e bonus maturati in base ai risultati conseguiti – 145 milioni di introiti sui 1.113 milioni di euro complessivamente distribuiti dalla UEFA. La parte più consistente è spettata al Real Madrid, club vincitore dell’ultima Champions League: 57,4 milioni di euro. Una cifra – nonostante il titolo conquistato – superiore soltanto di poco a quella incassata dalla Juventus, prima tra le italiane, pari a 50 milioni di euro: 43 dei quali sono riconducibili alla Champions League e i restanti 7 all’ex Coppa UEFA, che complessivamente ha garantito 209 milioni di euro in dividendi (nello specifico e per quanto riguarda i ‘nostri’ club: 9,5 milioni di euro sono andati alla Lazio, 8,2 alla Fiorentina e 1,6 al Napoli per l’eliminazione agli ottavi). Forte della sua partecipazione alla Champions League, la società partenopea ha incassato ulteriori 40 milioni di euro. Un risultato migliore rispetto a quello del Milan, unico club italiano ad aver superato la fase a gironi della massima competizione continentale: 37,6 milioni di euro.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia