Thales Alenia Space, Potetti (Fiom): “Sciopero Riuscito. Adesioni oltre il 90%” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Thales Alenia Space, Potetti (Fiom): “Sciopero Riuscito. Adesioni oltre il 90%”

Adesioni oltre il 90%. Il prossimo 2 luglio manifestazione nazionale davanti a Palazzo Chigi

“Siamo molto soddisfatti della riuscita degli scioperi in tutte le realtà del gruppo Thales Alenia Space Italia. Le adesioni sono state nettamente superiori al 90% e in alcuni casi hanno provocato la totale chiusura dei siti”. Lo afferma in una nota Fabrizio Potetti, responsabile per la Fiom Cgil di Thales Alenia Space Italia.
“Per le lavoratrici e i lavoratori di Thales Alenia Space Italia – prosegue la nota – è chiaro quanto il momento sia delicato per il presente e soprattutto il futuro del settore spaziale in Italia. L’Italia è stato il terzo paese a lanciare un satellite nello spazio e ancora oggi il settore spaziale italiano è all’avanguardia a livello mondiale. I maggiori paesi industrializzati continuano a investire nel settore spaziale, ben sapendo che lo spazio rappresenta un ambito strategico per ogni paese avanzato o che aspiri a diventare tale”.
“Il segnale mandato dalle lavoratrici e dai lavoratori – osserva Potetti – non è soltanto teso alla salvaguardia del proprio posto di lavoro, rivendicazione legittima, ma anche a salvaguardare un settore in cui l’Italia può dirsi pioniera e nel quale i lavoratori sono orgogliosi di prestare la loro professionalità. Per questi motivi continueremo
a difendere queste prerogative e continueremo con le azioni di lotta già previste”.
Il giorno dopo l’incontro con Finmeccanica, fissato per il 1 luglio, ci sarà la manifestazione nazionale dei lavoratori sotto la Presidenza del Consiglio dei ministri “per sollecitare il governo a fare immediatamente quanto deve, a partire dalla gestione dell’alleanza con il socio francese e dal finanziamento dei programmi per quanto riguarda
l’immediato”.
“In prospettiva è necessario recuperare più risorse – visto che l’Agenzia spaziale italiana ha subìto pesanti tagli negli ultimi anni – e rendere coerenti i programmi pluriennali di una società come Thales, con investimenti di pari durata. Non è possibile programmare la realizzazione di satelliti, la cui progettazione, realizzazione e messa in orbita richiede anni se i finanziamenti arrivano con il contagocce e per brevi periodi”.
“È necessario passare dalle parole ai fatti – conclude – perché se a parole tutti dicono che il settore spaziale in Italia è strategico, è solo con i fatti – e quindi con i finanziamenti – che i satelliti come Cosmo si possono realizzare. Continuando con questo disinteresse si rischia di mettere la parola fine al settore spaziale in Italia”.

 

Scrivi una replica

News

Olanda, si dimette la ministra degli Esteri

Sigrid Kaag, ministra degli esteri dell’Olanda, si è dimessa in seguito alla decisione della camera bassa del Parlamento che ha approvato una mozione contro il…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, secondo i sondaggi cala l’approvazione all’operato di Joe Biden

Secondo i sondaggi americani, l’approvazione all’operato di Joe Biden è scesa a settembre al 45% rispetto al 54% di aprile. A pesare è la decisione…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rientrati i tre astronauti cinesi dopo la missione record di tre mesi

Sono rientrati i tre astronauti cinesi partiti lo scorso giugno per la stazione spaziale Tiangong. La loro missione è durata tre mesi ed è stata…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: “Serve una Difesa europea”

“Il ritiro Usa dall’Afghanistan e l’accordo per la fornitura di sottomarini nucleari all’Australia da parte di Usa e Gb mostrano l’urgenza di lanciare una vera…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia