Quante sono (e quanto producono) le start up | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quante sono (e quanto producono) le start up

Start UPIl numero delle start up italiane è cresciuto molto negli ultimi mesi. Alla data di lunedì 23 giugno, come riferito da Stefano Firpo, capo della segreteria tecnica al ministero dello Sviluppo economico, nel corso di un incontro organizzato a Milano da Italia Startup, le imprese innovative operanti in Italia e iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese delle Camere di Commercio erano 2.221. “A febbraio, ve ne erano registrate 1.719, di cui 934, pari al 54% del totale, costituite dopo l’entrata in vigore del Decreto Legge 179/2012”, come osservato nella Relazione al Parlamento del ministero dello Sviluppo economico del marzo scorso.
Il 58% delle quali ha sede nell’Italia settentrionale, mentre il resto si divide tra il centro (il 22%) e il sud del Paese (20%). La regione con il maggior numero di start up è la Lombardia (466), seguita dall’Emilia Romagna (253) e dal Lazio, fermo a 216. Dal settembre del 2013, ovvero da quanto è operativo il Fondo di garanzia statale, è cresciuto anche il numero di finanziamenti concessi: tutte le domande presentate (122) sono state infatti accolte. Complessivamente sono stati erogati 55 milioni di euro, per una media di 340 mila euro ad ogni impresa. Aiuti decisamente più consistenti rispetto a quelli concessi alle piccole medie imprese del Paese da parte delle banche: 133 mila euro in media. Soldi, quelli concessi alle start up, non erogati direttamente dallo Stato, che invece – attraverso il Mediocredito – opera come garante, “facilitando – come spiegato dal ministero dello Sviluppo economico – l’accesso al credito”. Il prestito, che viene concesso alle start up in base alla valutazione “dei piani previsionali”, non può comunque superare i 2,5 milioni ad impresa.

Cos’è una start up, secondo la normativa italiana
Soldi ben investiti, almeno per il momento. Il fatturato complessivo dell’intero settore, che vede il coinvolgimento di 8 mila addetti, ha raggiunto infatti i 300 milioni di euro. Cos’è però una start up? La Legge 221/2012, che ha convertito il Dl Crescita 2.0, ne ha introdotto per la prima volta nell’ordinamento del nostro Paese la definizione.
Secondo la normativa una start up è realmente tale solo quanto requisiti specifici. Eccone alcuni: un dipendente su tre deve essere un ricercatore o avere un Phd (dottorato) oppure i 2/3 dei dipendenti devono essere laureati. Gli investimenti in ricerca e sviluppo devono essere “uguali o superiori al 15% del fatturato”, gli utili devono “obbligatoriamente” essere reinvestiti e non distribuiti ai soci. Infine, la start up deve essere “depositaria o licenziataria di brevetto registrato (privativa industriale) oppure titolare di programma per elaboratore originario registrato”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gelmini: «Da lunedì più di 11 regioni in zona gialla»

«Le regioni che dovrebbero passare in giallo da lunedì dovrebbero essere più di 11». A riferirlo è la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini,…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Es’givien x la Terra e il Made in Italy: il nuovo progetto by #ilfashionbelloebuono

Sostenibilità della moda o moda della sostenibilità? Dopo un anno di pandemia e anni di delocalizzazione di troppe produzioni etichettate Made in Italy, Es’givien lancia…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, l’Uefa ai club ritirati: “Passo indietro da ammirare, bentornate”

L’Uefa e in particolare Aleksander Ceferin, hanno accolto con grande soddisfazione il ritiro di sette club dalla Superlega: “Gli errori si possono commettere, importante è…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritira anche l’Inter

Dopo la notizia del ritiro dei sei club inglesi, anche l’Inter ha annunciato il proprio ritiro dalla Superlega. “A queste condizioni non ci interessa”, fanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia