Un’integrazione difficile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Un’integrazione difficile

di Matteo Buttaroni

immigratiStando all’ultimo rapporto dell’Ocse, Italia e Spagna sono i paesi, membri dell’Organizzazione, dove si registra la più alta crescita annuale della popolazione immigrata – regolarmente – dal 2000 a oggi. Sono stati circa 4,5 milioni gli stranieri giunti nel nostro Paese, una fetta che rappresenta l’11% della popolazione in età lavorativa. L’altro dato al quale l’Organizzazione parigina ha dato ovvia rilevanza è quello relativo al tasso di occupazione dei cittadini immigrati: l’Italia è l’unico Paese dove risulta più alto il tasso degli occupati stranieri rispetto a quello dei lavoratori nativi, soprattutto nel settore edile per gli uomini e in quello dei servizi alla persona o domestici per le donne. Questo perché, e da qui la strigliata dell’Ocse, i lavoratori immigrati sono sottopagati, costretti a lavori non qualificati, il più delle volte sottoposti a licenziamenti selettivi e, molte volte, senza garanzie contrattuali. Una serie di fattori che non fanno che aumentare il sommerso e lo sfruttamento.
Dal Rapporto emerge che i più colpiti dalla disoccupazione sono quei potenziali lavoratori considerati altamente qualificati. Nel 2012 il tasso di disoccupazione si attestava al 12,6% per la componente maschile e al 15,9% per quella femminile.
L’allarme vero e proprio riguarda però la componente dei giovani di età compresa tra i 15 ed i 24 anni. Un giovane immigrato su tre rientra nella categoria dei neet (non studia e non lavora); mentre circa il 50% dei 15-34 enni, arrivati in Italia tra i 6 ed i 15 anni ha un livello di istruzione pari alla scuola secondaria di primo grado.
Si tratta, a detta dell’Ocse, delle cause derivanti da una scarsa politica dell’integrazione: “Alcuni aspetti delle infrastrutture per l’integrazione – si legge nel Rapporto – sono meno sviluppati che nella maggior parte dei Paesi con una lunga esperienza di immigrazione alle spalle. Il quadro antidiscriminazione, ad esempio, o le misure per la formazione linguistica risentono della dimensione fortemente regionale dell’immigrazione e dell’integrazione nel mercato del lavoro, nonché della mancanza di coordinamento a livello nazionale e del moltiplicarsi di attori a livelli regionali e locali. Si tratta spesso di progetti locali, di piccole dimensioni e di breve durata: non vi sono programmi nazionali che prevedano alcun tipo di formazione linguistica orientata al mondo del lavoro”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia