Occupazione grandi imprese in calo dello 0,1% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Occupazione grandi imprese in calo dello 0,1%

impreseA maggio 2014 l’occupazione nelle grandi imprese al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) segna (in termini destagionalizzati) una flessione dello 0,1% rispetto ad aprile. Al netto dei dipendenti in Cig si registra una diminuzione dello 0,2%.
Nel confronto con maggio 2013 l’occupazione nelle grandi imprese diminuisce dell’1,0% al lordo della Cig e dello 0,7% al netto dei dipendenti in Cig.
Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) diminuisce, rispetto a maggio 2013, del 2,0%.
L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è pari a 29,2 ore ogni mille ore lavorate, in diminuzione di 3,6 ore ogni mille rispetto a maggio 2013.
A maggio la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra un aumento dell’1,6% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo aumenta del 4,3%.
Rispetto a maggio 2013 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumentano rispettivamente dello 0,4% e dello 0,6%.
Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dello 0,6%.
Nel mese di maggio l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria (misurata in termini destagionalizzati) registra, rispetto al mese precedente, una variazione nulla al lordo della Cig e una diminuzione dello 0,3% al netto della Cig. In termini tendenziali gli indici grezzi diminuiscono dell’1,3% al lordo dei dipendenti in Cig e dello 0,4% al netto dei dipendenti in Cig.
Nel settore dei servizi l’occupazione (dati destagionalizzati) segna, in termini congiunturali, un calo dello 0,1% sia al lordo sia al netto della Cig. Gli indici grezzi registrano diminuzioni tendenziali dello 0,9% sia al lordo sia al netto della Cig .
Nel settore industriale l’indice al netto della Cig segna la diminuzione tendenziale più marcata nelle costruzioni (-4,4); tra i servizi è nel settore dei servizi di informazione e comunicazione che si osserva il calo più rilevante (-2,5%). Nell’industria solo il settore fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata presenta una variazione tendenziale positiva dell’indice dell’occupazione al netto della Cig (+0,3%); viceversa nei servizi l’indice mostra incrementi nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli (+0,1%), nelle attività professionali scientifiche e tecniche (+1,4%) e nelle attività di noleggio agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+1,3%).
Nelle grandi imprese dell’industria, in termini destagionalizzati, le ore lavorate per dipendente registrano una variazione negativa dello 0,7%. Nel confronto con maggio 2013, al netto degli effetti di calendario, le ore lavorate segnano una riduzione dell’1,7%. Nei servizi si registra un calo congiunturale dello 0,4% mentre, in termini tendenziali, l’indice depurato dagli effetti di calendario diminuisce del 2,5%.
Nelle grandi imprese dell’industria la retribuzione lorda per ora lavorata registra, al netto della stagionalità, un incremento dell’1,2% rispetto ad aprile. Nel confronto con maggio 2013 l’indice grezzo cresce del 6,0%. Nei servizi la retribuzione lorda per ora lavorata segna, al netto della stagionalità, un aumento congiunturale del 2,2%; l’indice grezzo registra un incremento del 3,3% rispetto a maggio 2013. Nelle grandi imprese dell’industria a maggio si registra un aumento tendenziale dell’1,6% della retribuzione lorda totale per dipendente. Per la sola componente continuativa per lavoro ordinario la crescita, rispetto a maggio 2013, è stata dell’1,7%. L’incremento osservato è la sintesi di riduzioni considerevoli nel settore delle costruzioni (-5,9%) e in quello della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (-4,7%) e di aumenti nelle attività manifatturiere (+2,5%) e fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento (+5,2%). Nei servizi la retribuzione lorda per dipendente è diminuita dello 0,3% mentre quella per la sola componente continuativa per lavoro ordinario aumenta in termini tendenziali dello 0,1%. Sempre in termini tendenziali la riduzione della retribuzione lorda è particolarmente elevata nei settori servizi di informazione e comunicazione (-5,4%) attribuibile soprattutto alla mancata corresponsione o alla minore entità di premi pagati nel 2014.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, record di morti nelle ultime 24 ore: 18mila in tutto il mondo

È record di morti da coronavirus nelle ultime 24 ore, in tutto il mondo, dove si sono contati oltre 18mila decessi.…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Polonia, divieto quasi totale dell’aborto

Entrerà in vigore nella giornata di giovedì 28 gennaio, il divieto quasi totale dell’aborto in Polonia. Lo ha reso noto il governo, in un annuncio…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccino Covid-19, ferma la situazione in vista dei ritardi di AstraZeneca

Anche se proseguono i contatti per sbloccare la situazione, per ora non c’è nessuna soluzione in vista per i ritardi nelle consegne del vaccino di…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 152mila casi negli Usa e 3.900 morti in 24 ore

Sono oltre 152mila i nuovi casi di coronavirus negli Stati Uniti, dove nelle ultime 24 ore hanno perso la vita anche 3.943 persone.…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia