Chi finanzia Coni e FIGC | T-Mag | il magazine di Tecnè

Chi finanzia Coni e FIGC

di Mirko Spadoni

L’annuncio è arrivato alle 20 e 18 del 14 agosto. “Abbiamo trovato l’accordo con Antonio Conte: sarà – dichiarava il presidente della FIGC Carlo Tavecchio – il nuovo c.t. azzurro”. Mentre parte dei dettagli dell’accordo sono stati resi noti qualche minuto dopo.
L’ormai ex allenatore della Juventus guiderà così la nazionale per 3,5 milioni di euro l’anno, bonus inclusi, fino – salvo imprevisti – al 31 luglio del 2016. Una cifra simile a quella percepita quando sedeva sulla panchina del club bianconero (ovvero: 3,5 milioni netti a stagione) ma superiore al compenso del suo predecessore Cesare Prandelli: 1,7 milioni di euro netti (3,2 lordi). La FIGC pagherà solo parte del compenso (tra gli 1,6 e gli 1,7 milioni di euro) il resto verrà invece garantito dagli sponsor, che assieme a via Allegri dovranno sborsare complessivamente circa 14 milioni di euro per il biennio 2014 – 2016. Una decisione in linea con la necessità di contenere le spese di una federazione che può contare su fondi consistenti e su 1.362.406 tesserati, così ripartiti: 1.098.450 calciatori, 22.137 tecnici, 34.409 arbitri e 207.410 dirigenti (dati Report Calcio 2013). “Il calcio – osservava il rapporto in questione – si conferma anche nella stagione 2012-2013 lo sport più praticato in Italia”.
Annualmente la FIGC incassa dalla pubblicità e dalle sponsorizzazioni poco più di 38,5 milioni di euro (la Puma – da sola – ne investe circa 14 l’anno). I restanti sponsor (Tim, Compass, Fiat, Uliveto, Dolce e Gabbana, Pai, Generali, Alitalia, Nutella e Garnier Fructis) provvedono al resto.
Eppure per quest’anno via Allegri prevede entrate per circa 160 milioni di euro (precisamente: 159.561.820), poco meno rispetto a quanto incassato nel 2013 (174 milioni di euro). Oltre 15 milioni (15.632.172 euro) provengono dalle “quote degli associati” e 34,5 milioni dai “ricavi da manifestazioni internazionali”, che “comprendono i ricavi per diritti televisivi, contributi da Federazioni internazionali, ed ulteriori ricavi da manifestazioni”, come specificato nella Relazione al Budget 2014 della FIGC. Ma buona parte delle entrate – 68.596.956 di euro – viene garantita dal CONI, a sua volta finanziato annualmente dal ministero per l’Economia e la Finanza (MEF) che per quest’anno mette a disposizione di largo De Bosis 411 milioni di euro. Solo una parte (150 milioni di euro) viene assegnata alle 45 federazioni riconosciute – FIGC compresa – dal comitato olimpico e ai loro 11 milioni di tesserati.
Detto questo, come vengono investiti i 160 milioni di euro della FIGC? “Ne servono ben 46 solo per retribuire gli ufficiali di gara”, osserva Tommaso Rodano su Il Fatto quotidiano. “Altri 46 – prosegue – sono destinati allo svolgimento delle varie attività delle Nazionali (maschili, femminili, di calcio a 5 e Beach Soccer). Nel bilancio federale ci sono altri due capitoli di spesa assai corposi e specificati tutt’altro che bene. Costo del personale: 15,8 milioni di euro. Spese generali: 20,8 milioni di euro”.
Voci di spesa sostenuti grazie agli introiti garantiti da sponsor, vendita di biglietti e diritti televisivi. Oltre che dal contributo del CONI, che – ricordiamo – viene finanziato completamente dal MEF. Non è detto quindi che in un futuro (più o meno prossimo) le cose possano cambiare. Anche in peggio, s’intende.
Un problema che al Foro italico sembrano avere a cuore. “Il nostro tumore è la mancata autonomia finanziaria, purtroppo siamo ancora legati al finanziamento pubblico”, denunciò il presidente del CONI Giovanni Malagò a margine della Lectio Magistralis Lo Sport che vorrei lo scorso giugno. “L’ultima volta abbiamo ottenuto dallo Stato 411 milioni di euro, ma – si chiedeva Malagò, concludendo il suo ragionamento – il prossimo anno cosa accadrà? Forse riuscirò ad ottenere gli stessi soli. Una cifra che però non basta a mandare avanti lo sport italiano”.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia