Italia: l’unico Paese del G7 in recessione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia: l’unico Paese del G7 in recessione

di Matteo Buttaroni

crisi_economica_recessioneIn confronto al secondo trimestre del 2013, a fine giugno il Prodotto interno lordo italiano ha registrato una contrazione dello 0,3% rendendo il dato del nostro Paese l’unico in calo tra i Paesi membri del G7. A renderlo noto è l’Ocse, che nella sua analisi spiega che il rallentamento, sebbene più lieve, ha interessato l’intera area. Ad eccezione del Regno Unito e degli Stati Uniti che hanno riportato rispettivamente un +3,2% e un +2,4% su base annuale. Più deboli la crescita di Giappone e Francia che hanno visto il dato muoversi di appena 0,1 punti percentuali.
Stando a quanto confermato dall’Istat l’Italia è dunque nuovamente in recessione, peggiorando dello 0,2% rispetto al -0,1% registrato nel primo trimestre del 2014. A causa dell’aumento delle imposte il Giappone è sceso dell’1,7% rispetto ai primi tre mesi dell’anno. Invariato il dato congiunturale della Francia. Bene Regno Unito e Stati Uniti, che rispetto al primo trimestre crescono rispettivamente dello 0,5% e dell’1%.
Tra primo e secondo trimestre l’economia dell’Ocse è passata dallo 0,2% allo 0,4%. In fase di rallentamento la crescita dell’Eurozona: su base annuale nel secondo trimestre è cresciuta dello 0,7% e nel primo dello 0,9%. Su base trimestrale è passato al +0,2% dallo 0,3% del periodo precedente.

La frenata dell’economia tedesca
Nemmeno per la Germania si tratta dei periodi più rosei. Il Paese risulta infatti in una fase di affanno. Oltre ad aver registrato, nel secondo trimestre, un calo dello 0,2% del Prodotto interno lordo, Berlino si è trovata di fronte anche al quarto calo consecutivo dell’indice di fiducia delle aziende. L’indice Ifo si è infatti attestato a 106,3, il dato più basso dal 2013.
Una serie di dinamiche che fanno ipotizzare agli economisti che la crescita non sia poi così vicina. Per il terzo trimestre ci si aspetta infatti una crescita pari allo zero, mentre alla fine dell’anno dovrebbe registrarsi un +1,5% rispetto al 2013. Un aumento più basso delle attese che indicavano un +2%. La causa principale della frenata è la crisi ucraina. Per fare un esempio: le esportazioni verso Kiev (nel primo semestre) sono diminuite del 15,5% a 15,3 milioni di euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 92,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 92.484.759. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

14 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Forza Italia, Berlusconi ricoverato in un Centro cardio-toracico per «esami di routine»

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è ricoverato al Centro cardio-toracico di Monaco. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA. L’ex premier si trovava a…

14 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Sud, confermata condanna per l’ex presidente Park

Confermata dalla Corte suprema, il più altro grado di giudizio, la condanna a vent’anni per l’ex presidente Park Geun-hye, dimessasi nel 2017 dopo essere stata…

14 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 224mila nuovi casi negli Usa

Nelle ultime 24 ore, negli Stati Uniti sono stati registrati 224mila nuovi casi di coronavirus e 3.848 vittime.…

14 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia