Di nuovo in calo la fiducia delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Di nuovo in calo la fiducia delle imprese

lavoro_impreseIl trend è generale e comprende tanto le aziende francesi quanto le tedesche. Anche in Italia il clima di fiducia delle imprese, come rilevato dall’Istat, scende ad agosto a 88,2 punti da 90,8 del mese di luglio (Iesi, Istat economic sentiment indicator, espresso in base 2005=100). Il calo dell’indice complessivo è dovuto al peggioramento della fiducia delle imprese di tutti i settori, manifatturiero, dei servizi di mercato, delle costruzioni e del commercio al dettaglio.
L’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese manifatturiere scende da 99,1 a 95,7. Peggiorano i giudizi sugli ordini e le attese di produzione (da -23 a -24 e da 7 a 1, rispettivamente); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da 0 a 3. L’indice del clima di fiducia scende da 98,0 a 94,8 nei beni di consumo, da 101,7 a 97,0 nei beni intermedi e da 97,0 a 95,7 nei beni strumentali. I giudizi sugli ordini peggiorano nei beni di consumo (da -26 a -27) e nei beni strumentali (da -22 a -23), restano stabili nei beni intermedi (a -21); il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti passa da -1 a 4 nei beni di consumo, da 1 a 3 nei beni intermedi e da 3 a 2 nei beni strumentali. Le attese sulla produzione peggiorano in tutti i principali raggruppamenti di industrie: nel dettaglio, il saldo diminuisce da 6 a 2 nei beni di consumo, da 8 a -4 nei beni intermedi e da 9 a 5 nei beni strumentali.

La fiducia delle imprese di costruzione
L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 77,0 da 83,0 di luglio; peggiorano sia i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -45 a -48), sia le attese sull’occupazione (da -14 a -22). L’indice del clima di fiducia scende da 64,0 a 62,6 nella costruzione di edifici, da 87,5 a 83,0 nell’ingegneria civile e da 107,4 a 92,4 nei lavori di costruzione specializzati. I giudizi sugli ordini migliorano nel settore della costruzione di edifici (da -59 a -57 il saldo), mentre peggiorano sia nell’ingegneria civile (da -21 a -26), sia nei lavori di costruzione specializzati (da -32 a -44); le attese sull’occupazione diminuiscono in tutti i settori: il saldo passa da -24 a -29 nella costruzione di edifici, da -7 a -11 nell’ingegneria civile e da -7 a -17 nei lavori di costruzione specializzati.

La fiducia delle imprese dei servizi di mercato
L’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi scende a 87,5 da 92,3 di luglio. Il saldo dei giudizi sugli ordini passa da -5 a -11, ma sale leggermente (da -6 a -5) quello delle attese sugli ordini; si contraggono le aspettative sull’andamento dell’economia in generale, il cui saldo si attesta a -33 da -24 dello scorso mese. Tra i saldi delle variabili che non rientrano nel computo del clima di fiducia dei servizi risulta stabile quello della dinamica dei prezzi di vendita (a -10), peggiorano i giudizi sull’andamento degli affari (da -2 a -5) e i giudizi riguardo l’occupazione (da -18 a -20) e migliorano leggermente le attese sull’occupazione (da -18 a -17).
Il clima di fiducia scende in tutti i settori considerati dall’indagine tranne che nei servizi di informazione e comunicazione, dove sale da 67,5 a 74,6. L’indice si riduce nei trasporti e magazzinaggio (da 117,3 a 111,4), nei servizi turistici (da 74,6 a 69,0) ed in quelli alle imprese (da 94,2 a 88,0). I giudizi sugli ordini peggiorano in tutti i settori, eccetto in quello dell’informazione e comunicazione, le attese sugli ordini sono stabili nelle imprese dei servizi alle imprese e in crescita negli altri settori, mentre le attese sull’economia in generale sono in diffuso peggioramento. A livello territoriale, il clima di fiducia diminuisce in tutte le ripartizioni: nel Nord-est scende da 90,1 a 78,1, nel Nord-ovest da 93,6 a 91,6, al Centro da 89,2 a 88,8 e nel Mezzogiorno da 99,3 a 94,3.

La fiducia delle imprese del commercio al dettaglio
Nel commercio al dettaglio il clima di fiducia scende a 98,3 da 101,4. Rispetto al mese precedente, peggiora sia il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -18 a -22), sia quello delle attese sulle vendite future (da 6 a 4) e il saldo relativo ai giudizi delle giacenze di magazzino passa da -5 a -2. La fiducia peggiora sia nella grande distribuzione (da 101,0 a 97,2), sia in quella tradizionale (da 102,7 a 99,3). In particolare, nella grande distribuzione diminuisce il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -4 a -13) anche se cresce quello relativo alle attese sulle vendite future (da 16 a 18); nella distribuzione tradizionale peggiora sia il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -29 a -32), sia quello relativo alle attese sulle vendite future (da -3 a -9). Quanto alle scorte di magazzino nella grande distribuzione il saldo passa da -6 a -1 e si conferma stabile a -4 in quella tradizionale.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Ue monitori consegna vaccini agli Stati membri»

«Recentemente abbiamo avuto difficoltà nelle consegne settimanali di vaccini. Vorrei ricordare la necessità che le aziende produttrici si assumano la piena responsabilità della consegna diretta…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue agli Stati: «Scoraggiare tutti i viaggi non essenziali»

La Commissione Ue ha proposto agli Stati membri di scoraggiare tutti i viaggi non essenziali finché la situazione epidemiologica non sia migliorata considerevolmente. Ciò riguarda…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio a Ue: «La morte di Regeni è una ferita anche europea»

«Gentili colleghi, oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo barbaro omicidio è una ferita ancora aperta in Italia, ma oggi sono qui…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 99milioni di casi nel mondo

I casi di Covid-19 nel mondo hanno superato quota 99milioni. Le vittime, invece, sono oltre 2milioni.…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia