Loy (Uil): “Sempre più preoccupante calo occupazione grande industria” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Loy (Uil): “Sempre più preoccupante calo occupazione grande industria”

“Sempre più preoccupante il calo di occupazione dipendente che sta investendo da anni la grande industria.
I dati diffusi dall’Istat mostrano che a patire più pesantemente gli effetti della crisi, continua a essere il settore delle costruzioni che, più degli altri, rappresenta il tester della crescita o, come in questo caso, della pervicace sofferenza del nostro sistema Paese.
La creazione dell’occupazione e il mantenimento della stessa passano, inevitabilmente, dalla messa in atto di tutta una serie di politiche che rilancino i consumi di lavoratori e famiglie, riducendo la forte pressione fiscale, e che snelliscano l’eccessiva burocrazia che attanaglia il nostro ordinamento, non favorendo la nascita di nuove imprese. È necessaria, inoltre, soparttutto, una vera e seria politica industriale che rilanci le nostre aziende. Solo in questo quadro potrà essere utile ridefinire, anche con coraggio, un nuovo sistema di regole del lavoro che possa accompagnare un rilancio del sistema produttivo fondato sulla crescita”, così Guglielmo Loy, segretario confederale della Uil, ha commentato i dati diffusi da Istat .

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia