Il diario del Festival di Venezia/7 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il diario del Festival di Venezia/7

di Fabio Francesca

XVEN103-96_2014_200957_lowSi conclude la settantunesima edizione della mostra d’arte cinematografica di Venezia con un palmarès finale che lascia molti dubbi e perplessità. La giuria ha deciso di premiare un cinema sempre più artificiosamente complesso, arroccato su se stesso, che tende a escludere il pubblico come referente del movimento cinematografico. Anche più per questa ragione fanno discutere le esclusioni dai premiati di Birdman di Inárritu e de Il giovane favoloso di Martone, che riuscivano a far coincidere il gusto mainstream con l’eleganza e la ricercatezza del cinema d’autore.
Ma ora veniamo ai premiati dalla giuria presieduta da il compositore Alexandre Desplat e composta da Sandy Powell, Jhumpa Lahiri, il regista palestinese Elia Suleiman, il regista tedesco Philip Gröning, Tim Roth, Jessica Hausner, Joan Chen e il nostro Carlo Verdone.
Leone d’oro per il miglior film: A pigeon sat on a branch reflecting on existence di Roy Andersson;
Leone d’argento per la miglior regia: The postman’s White nights di Andrej Koncalovskij;
Gran premio della giuria: il documentario The look of silence di Joshua Oppenheimer;
Coppa Volpi miglior interpretazione maschile: Adam Driver in Hungry hearts di Saverio Costanzo;
Coppa Volpi miglior interpretazione femminile: Alba Rohrwacher sempre per Hungry hearts;
Premio Marcello Mastroianni miglior attore emergente: Romain Paul in Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte;
Miglior sceneggiatura: Tales di Rakhshan Banietemad;
Premio speciale della giuria: Sivas di Kaan Müjdeci.

La giuria presieduta da Alice Rohrwacher ha assegnato il premio Leone del futuro per l’opera prima a Court di Chaitanya Tahmane.

Ora veniamo ai premi delle sezioni parallele, iniziando dalla sezione Orizzonti dove la giuria era presieduta da Ann Hui e composta da Moran Atias, Pernilla August, David Chase, Mahamat Saleh Haroun, Roberto Minervini e Alin Tasciyan.
Miglior film: Court di Chaitanya Tahmane;
Miglior regia: Theeb di Naji Abu Nowar;
Premio speciale della giuria: Belluscone. Una storia siciliana di Franco Maresco;
Miglior interpretazione: Emir Hadzihafizbegovic in These are The rules di Ognjen Svilicic.

Mentre il premio per Le giornate degli autori è andato a Retour à Ithaque del maestro Laurent Cantet, il premio della Settimana della Critica a No one’s Child di Vuk Rsumovic e il premio Venezia classici per il miglior documentario a Animata resistenza di Francesco Montagner e Alberto Girotto.

 

Scrivi una replica

News

Commissione Ue: “Nel 2021 salirà ancora il debito pubblico italiano, ma calerà nel 2022”

Il debito pubblico italiano continua a salire nel 2021 “a causa del protrarsi del sostegno pubblico all’economia, ma poi comincerà a scendere dal 2022”. Lo ha…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 53 morti per raid israeliani

Si continua ad aggravare il bilancio dei palestinesi rimasti uccisi a Gaza dopo i ripetuti attacchi israeliani, che hanno provocato fin qui 53 morti. Tra…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commissione Ue: “Pil Italia in rialzo nel 2021 del 4,2%”

“Le vaccinazioni e l’allentamento delle restrizioni stanno aprendo la strada alla forte ripresa dell’economia italiana nella seconda metà del 2021. Gli investimenti sostenuti dall’Ue dovrebbero portare…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, razzo anticarro palestinese centra veicolo israeliano

Un razzo anticarro sparato da Gaza ha centrato un veicolo israeliano che si trovava nei pressi della linea di demarcazione. Lo ha reso noto il…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia