Crisi economica, Squinzi: “Dobbiamo fare di più, soprattutto noi imprenditori” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Squinzi: “Dobbiamo fare di più, soprattutto noi imprenditori”

“L’investimento fisso lordo dell’economia italiana è più o meno equivalente a quello dell’Eurozona – ha spiegato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi -. La flessione dell’economia italiana non deriva quindi dalla mancanza di investimenti ma da quello che questi investimenti non producono. Generiamo poca innovazione e poca ricerca. Anche se continuo a pensare che molta innovazione privata non si vede, non avendo in Italia una leva fiscale per la ricerca come voce nella contabilità aziendale. Perciò credo che le cifre che noi tutti conosciamo sul rapporto ricerca innovazione sul Pil non diano conto di tutti gli sforzi che si fanno in tal senso. Ma non voglio nascondermi dietro un dito: dobbiamo fare di più in primis noi imprenditori. La crisi non è colpa di qualcun altro. Sta nella nostra testa e nei nostri comportamenti. Ho più volte parlato di situazione drammatica, di un Paese sfiduciato e distratto o, peggio, quasi disinteressato al destino delle sue imprese. Ma non ho mai parlato di rassegnazione da parte nostra. Mi conoscete e sapete che parlo di capannoni e impianti, della nostra quotidianità e del nostro impegno. Resto un abituale frequentatore di fabbriche e non d’altro. E sono un ottimista per natura e per credo. La riforma del mercato del lavoro e degli ammortizzatori sociali è uno dei punti cardine da cui ripartire, con pragmatismo e senza preclusioni ideologiche. La questione centrale è ripensare il nostro modello puntando al rafforzamento della produttività. Questo richiede una maggiore flessibilità, un mercato del lavoro dinamico, che consenta ai lavoratori che perdono il lavoro di trovare una ricollocazione anche attraverso un profondo ripensamento dei percorsi formativi, una contrattazione all’altezza delle nuove sfide di una economia sempre più globalizzata. I Paesi che hanno operato queste scelte, dalla Germania alla Spagna di recente, hanno avuto risultati positivi”

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia