Ancora giù redditi e consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora giù redditi e consumi

consumi_crisi_economicaA causa della riduzione del reddito delle famiglie, tornato ai livelli di 30 anni fa (17.400 euro nel 2014 e 17.200 euro nel 1986) e dell’aumento continuo delle spese obbligate (come i mutui, gli affitti e la sanità, i carburanti, l’acqua, l’elettricità e il gas) nel giro di vent’anni i consumi degli italiani sono cresciuti complessivamente solo del 12,3% e solo del 6% procapite. E’ quanto rilevato dalla Confcommercio nel Rapporto Consumi. Secondo l’analisi tra il 2007 ed oggi il reddito delle famiglie italiane è sceso del 13,1%, per un totale di circa 2.590 euro l’anno a testa. Di conseguenza ad oggi i consumi sono inferiori del 7,6% rispetto al periodo pre-crisi e del 2,5% rispetto allo scorso anno.
In modo particolare il calo ha interessato i beni, con un -4%, mentre i servizi sono scesi in maniera più contenuta, registrando un -1,2%. Per questo la Confcommercio parla di una terziarizzazione dei consumi: ad oggi i servizi rappresentano il 53% della spesa delle famiglie, in aumento rispetto al 50% del 2009 e al 41,8% del 1992. Le spese per i beni sono invece scese dal 58,2% di venti anni fa al 47%.
Considerando la spesa per i beni, dallo studio emerge che i cali più rilevanti hanno interessato i pasti in casa/fuori casa e l’alimentazione domestica, rispettivamente con un -4,1% e un -4-6%. Notevole anche il calo riportato da viaggi e vacanze, -3,8%; da abbigliamento e calzature, -6,3%; e dai beni per il benessere, -3,5%.
Tornando invece ai servizi, nei quali rientrano le spese obbligate già elencate in precedenza, risulta che nel giro di vent’anni il valore aggiunto sia passato dal 66,5% al 74%. Solo le spese obbligate coprono ormai il 41% delle spese totali e in particolare quelle legate alle abitazioni sono passate dal 17,1% del ’92 al 23,9%.
Secondo le stime della Confcommercio dunque, rispetto ai 14.300 euro del 1992, tolte le spese agli italiani rimangono in tasca 10.900 euro l’anno.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia