Draghi: “Crediamo nella ripresa ma servono riforme strutturali” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Draghi: “Crediamo nella ripresa ma servono riforme strutturali”

“Il patto di stabilità e crescita è stato l’ancora della fiducia dell’Eurozona. Non dimentichiamoci il passato con gli squilibri di bilancio gravi e tutto il consolidamento degli ultimi anni in tanti paesi membri. Questi risultati non possono essere cancellati”, così il presidente della Bce, Mario Draghi, al termine della riunione dell’Eurogruppo. “Abbiamo osservato – aggiunge – che il secondo trimestre ha assistito a uno stallo della crescita dopo tre trimestri di ripresa. Continuiamo a credere che la ripresa continuerà, anche se a ritmo modesto. E’ fragile, disomogena e non continua, però secondo noi sta continuando. Ci sarà un ritorno degli investimenti necessari per alimentare la crescita e l’occupazione, uno dei punti fondamentali della riunione di oggi è stato quello di porre l’accento sulle riforme strutturali perché il ritorno degli investimenti vuol dire riforme strutturali più ambiziose, tutti siamo d’accordo su questo punto. E’ necessario avere con urgenza riforme strutturali e i paesi devono affrontare le raccomandazioni specifiche per il 2014 in maniera determinata, perché la politica monetaria da sola non basta senza riforme strutturali serie”.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia