Peggiora il clima di fiducia delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Peggiora il clima di fiducia delle imprese

lavoro_impreseChe il periodo non sia dei più rosei lo dimostra il clima di fiducia delle imprese che a settembre, fa sapere l’Istat (espresso in base 2005=100), scende a 86,6 da 88,1 di agosto. Il clima di fiducia delle imprese peggiora in tutti i settori: manifatturiero, dei servizi di mercato, delle costruzioni e del commercio al dettaglio. In particolare nel mese di settembre l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese manifatturiere si attesta a 95,1 da 95,4 del mese precedente. Migliorano le attese di produzione (da 1 a 2 il saldo) ma peggiorano i giudizi sugli ordini (da -25 a -27); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino rimane stabile a 3. L’indice del clima di fiducia sale da 94,7 a 95,5 per i beni di consumo e da 95,6 a 96,0 per i beni strumentali, mentre scende da 96,8 a 95,8 per i beni intermedi. I giudizi sugli ordini migliorano nei beni strumentali (da -23 a -21), peggiorano nei beni di consumo e nei beni intermedi (da -27 a -28 e da -21 a -27, rispettivamente); il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti passa da 4 a 2 nei beni di consumo, da 4 a 3 nei beni intermedi e da 2 a 3 nei beni strumentali. Le attese sulla produzione migliorano nei beni di consumo e nei beni intermedi (da 2 a 3 e da -4 a -2, rispettivamente) e rimangono stabili (a 5) nei beni strumentali.
L’indice del clima di fiducia del settore manifatturiero – prosegue l’Istat sale da 90,2 a 91,6 nel Centro e da 87,4 a 90,1 nel Mezzogiorno, ma scende da 100,3 a 99,9 nel Nord-ovest e da 95,5 a 95,3 nel Nord-est. I giudizi sugli ordini peggiorano nel Nord-ovest e nel Nord-est (da -21 a -22 e da -21 a -23, rispettivamente) e rimangono stabili nel Centro e nel Mezzogiorno (a -29 e a -40, rispettivamente). Il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti passa da 3 a 6 nel Nord-ovest, da 2 a -2 nel Centro e da -2 a -10 nel Mezzogiorno, mentre rimane stabile (a 4) nel Nord-est. Le attese di produzione migliorano nel Nord-ovest e nel Nord-est (da -1 a 2 e da 0 a 1, rispettivamente) e rimangono stabili nel Centro e nel Mezzogiorno (a 0).
“Secondo le consuete domande rivolte a cadenza trimestrale alle imprese manifatturiere che svolgono attività d’esportazione – rende noto ancora l’Istituto nazionale di statistica –, nel terzo trimestre dell’anno peggiorano sia i giudizi sia le attese sul fatturato. Scende da 7 a 5 il saldo destagionalizzato relativo al rapporto fra prezzi all’export e interni; sale dal 30% al 35% la quota delle imprese interpellate che lamenta la presenza di significativi ostacoli all’attività di esportazione; tra questi, aumentano quelli legati ad altri motivi, rimangono stabili quelli legati ai costi, ai tempi di consegna, ai finanziamenti, alla burocrazia e alla qualità dei prodotti. Tra le destinazioni delle esportazioni aumenta l’incidenza dei paesi Ue; la Germania e la Cina continuano ad essere considerate fra i maggiori concorrenti internazionali”.

La fiducia delle imprese di costruzione
L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 75,4 da 76,7 di agosto; rimangono stabili i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (a -48) ma peggiorano le attese sull’occupazione (da -22 a -23). L’indice del clima di fiducia sale da 92,4 a 97,7 nei lavori di costruzione specializzati ma scende da 62,6 a 59,8 nella costruzione di edifici e da 83,0 a 77,5 nell’ingegneria civile. I giudizi sugli ordini migliorano nei lavori di costruzione specializzati (da -44 a -37 il saldo) ma peggiorano sianella costruzione di edifici (da -57 a -60), sia nell’ingegneria civile (da -26 a -28); le attese sull’occupazione migliorano nei lavori di costruzione specializzati (da -17 a -16) ma peggiorano sia nella costruzione di edifici (da -29 a -31), sia nell’ingegneria civile (da -11 a -19).

La fiducia delle imprese dei servizi di mercato
L’indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi scende a settembre a 84,9 da 87,4 di agosto. Peggiorano i giudizi sugli ordini, il cui saldo passa da -11 a -17, sono stabili a -5 le relative attese; diminuiscono leggermente le attese sull’andamento dell’economia italiana (da -33 a -34 il saldo). Circa l’occupazione, migliorano sia i giudizi (da -20 a -16) sia le relative attese (da -16 a -11); regrediscono i giudizi sull’andamento degli affari (da -6 a -11) e scende a -11 da -10 il saldo relativo alla dinamica dei prezzi di vendita. Nel dettaglio settoriale, il clima di fiducia aumenta solo nell’informazione e comunicazione (da 74,6 a 93,4) e scende in tutti gli altri settori considerati. L’indice si riduce nei trasporti e magazzinaggio (da 111,4 a 82,8), nei servizi turistici (da 68,7 a 68,2) ed in quelli alle imprese (da 88,0 a 84,8). I giudizi sugli ordini regrediscono ovunque, tranne che nei servizi alle imprese e le relative attese, invece, progrediscono solo nell’informazione e comunicazione. Le attese sull’economia italiana migliorano nei servizi turistici e nell’informazione e comunicazione e peggiorano nei rimanenti due settori. Nel dettaglio territoriale, infine, il clima di fiducia diminuisce in tutte le ripartizioni territoriali: scende nel Nord-ovest da 91,6 a 90,4, nel Nord-est da 77,8 a 71,7, al Centro da 88,8 a 86,7 e nel Mezzogiorno da 92,9 a 89,4.

La fiducia delle imprese del commercio al dettaglio
Nel commercio al dettaglio il clima di fiducia scende da 97,7 in agosto a 92,5. Peggiora, in particolare, sia il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -23 a -28) che quello relativo alle attese sulle vendite future (da 3 a -4); in accumulo sono giudicate le giacenze di magazzino (da -2 a 1 il saldo della variabile). La fiducia si conferma in peggioramento in entrambe i circuiti, passando da 96,5 a 90,5 nella grande distribuzione e da 99,3 a 94,8 in quella tradizionale. Nella prima, il saldo dei giudizi sulle vendite correnti diminuisce da -14 a -17 e quello relativo alle attese sulle vendite future da 17 a 6; nella seconda, il saldo dei giudizi sulle vendite correnti peggiora da -32 a -38 e quello relativo alle attese sulle vendite future perde da -9 a -13. Quanto alle scorte di magazzino, il saldo della variabile passa da -1 a 4 nella grande distribuzione e da -4 a -2 in quella tradizionale.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Commissione Ue: “Nel 2021 salirà ancora il debito pubblico italiano, ma calerà nel 2022”

Il debito pubblico italiano continua a salire nel 2021 “a causa del protrarsi del sostegno pubblico all’economia, ma poi comincerà a scendere dal 2022”. Lo ha…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 53 morti per raid israeliani

Si continua ad aggravare il bilancio dei palestinesi rimasti uccisi a Gaza dopo i ripetuti attacchi israeliani, che hanno provocato fin qui 53 morti. Tra…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commissione Ue: “Pil Italia in rialzo nel 2021 del 4,2%”

“Le vaccinazioni e l’allentamento delle restrizioni stanno aprendo la strada alla forte ripresa dell’economia italiana nella seconda metà del 2021. Gli investimenti sostenuti dall’Ue dovrebbero portare…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, razzo anticarro palestinese centra veicolo israeliano

Un razzo anticarro sparato da Gaza ha centrato un veicolo israeliano che si trovava nei pressi della linea di demarcazione. Lo ha reso noto il…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia