Why not, de Magistris: “Ho subito la peggiore delle ingiustizie” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Why not, de Magistris: “Ho subito la peggiore delle ingiustizie”

“La mia vita è sconvolta, ho subito la peggiore delle ingiustizie”. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha così commentato la condanna ad un anno e tre mesi di reclusione inflittagli nell’ambito del processo Why not.
“Sono profondamente addolorato per aver ricevuto una condanna per fatti insussistenti. Ma – ha proseguito il primo cittadino napoletano – rifarei tutto, e non cederò alla tentazione di perdere completamente la fiducia nello Stato”. “In Italia, credo, non esistano condanne per abuso di ufficio non patrimoniale. Sono stato condannato – ha osservato de Magistris – per avere acquisito tabulati di alcuni parlamentari, pur non essendoci alcuna prova che potessi sapere che si trattasse di utenze a loro riconducibili. Prima mi hanno strappato la toga, con un processo disciplinare assurdo e clamoroso, perché ho fatto esclusivamente il mio dovere, dedicando la mia vita alla magistratura, ed ora mi condannano, a distanza di anni, per aver svolto indagini doverose su fatti gravissimi riconducibili anche ad esponenti politici. Non avendo commesso alcun reato – ha concluso il sindaco di Napoli – ho la speranza che si possa riformare, in appello, questo gravissimo e inaccettabile errore giudiziario”.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia