In quali Comuni si pagano le tasse più alte | T-Mag | il magazine di Tecnè

In quali Comuni si pagano le tasse più alte

tasse_taresMeno servizi e più tasse. Sono queste le due principali conseguenze dei tagli che il governo ha effettuato nei confronti degli enti locali. Città come Roma, Bologna, Bari, Napoli, Milano e Venezia, spiega la Cgia di Mestre, si sono visti dimezzare le risorse e di conseguenza si sono ritrovate ad alzare l’asticella fiscale, “penalizzando soprattutto le famiglie meno abbienti”.
La città alla quale sono state tagliate più risorse statali è Venezia con un -66% e -63,8 milioni di euro. A seguire c’è Milano con un -63%. A Roma, Bologna e Bari le risorse sono state tagliate del 48%, a Torino e a Genova del 43%, a Palermo del 33% e a Napoli del 31%.
L’ufficio studi della Cgia ha poi calcolato le spese che una famiglia tipo di tre componenti (due genitori con reddito di 22 mila euro annui con figlio a carico) dovrà erogare alle casse comunali mediante Tari, Tasi e addizionale comunale Irpef.
Per un’abitazione di tipo civile A2 il peso economico è di 1.610 euro a Bologna, di 1.488 euro a Genova, di 1.4141 a Bari e i 1.379 euro a Milano. Per questo tipo di abitazione le famiglie della città emiliana pagano più delle famiglie delle altre principali città italiane.
Roma è invece la più cara per le abitazioni di tipo economico A3. Con 1.110 la Capitale si piazza prima di Bari, Napoli e Genova, rispettivamente con 1.079, 1.000 e 961 euro.
Per quanto riguarda l’addizionale comunale Irpef la Cgia spiega che “in quasi tutte le città ha raggiunto l’aliquota massima dello 0,8 per cento”. La Capitale applica lo 0,9% mentre Bologna lo 0,7% e L’Aquila lo 0,6%. Più basse Aosta e Firenze, rispettivamente con un’aliquota dello 0,3 e dello 0,2%.
Dallo studio emerge poi che per quanto riguarda la Tasi “solo il Comune di Aosta ha applicato l’aliquota base dell’1 per mille. In tutte le altre realtà analizzate è stata deliberata un’aliquota nettamente superiore. In nove casi tocca addirittura il valore massimo consentito per le abitazioni principali: il 3,3 per mille”.
Nonostante il servizio di raccolta dei rifiuti sia notoriamente meno efficiente nel sud del Paese, è proprio nel Mezzogiorno che, per un abitazione di tipo civile A2, si paga di più per la Tari. I picchi si registrano a Cagliari (653 euro), Napoli (522 euro) e Palermo (497 euro).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Biden: «Gli Usa taglieranno le emissioni tra il 50 e il 52% entro il 2030»

Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52% entro il 2030. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Joe…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio»

«Il fatto che nel testo del decreto varato ieri non sia stato riprogrammato il coprifuoco, non significa che durerà fino al 31 luglio. Questa è una lettura…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia