Come funziona il reddito minimo garantito | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come funziona il reddito minimo garantito

di Mirko Spadoni

Salario-minimoLa Grecia ha adottato il reddito minimo garantito. Il sussidio, che a regime verrà riconosciuto a 700 mila greci (il 7% della popolazione), verrà inizialmente introdotto in 13 comuni per poi essere esteso a tutto il Paese. L’intento è quello di migliorare le condizioni economiche dei tanti greci in difficoltà. Secondo l’ultimo rapporto dell’Ufficio Bilancio del Parlamento di Atene, in tutto sono 6,3 milioni i greci (il 58,3% della popolazione) in difficoltà economica: circa 2,5 milioni vivono al di sotto della soglia di povertà, 3,8 milioni sono invece quelli che rischiano seriamente di oltrepassarla. A quanto ammonterà il reddito minimo garantito (da non confondere assolutamente con il salario minimo)? Il sussidio sarà direttamente proporzionale alla situazione economica del beneficiario. Il reddito reale annuale (ovvero il reddito monetario al netto dell’inflazione e che indica il reale potere d’acquisto del consumatore) dovrà essere inferiore alla soglia al di sotto della quale si è considerati poveri. Lo Stato assegnerà 400 euro ad ogni una famiglia greca con due figli minori e senza altri redditi certificati. Soddisfacendo così le richieste dell’Unione europea. Bruxelles chiede ormai da anni ai Paesi membri di introdurre il reddito minimo garantito, “inteso – come spiegato nel 1992 dalla Comunità economica europea nella raccomandazione 92/441 – quale fattore d’inserimento nella società dei cittadini più poveri”. Una richiesta ripetuta in più occasioni (nella comunicazione della Commissione Ue COM (2006) 44, nella raccomandazione 2088/867 CE e nella risoluzione 2010/2039) ed accolta da tutti gli Stati membri dell’Unione europea a 28, eccezion fatta per l’Italia. Il nostro Paese è infatti l’unico dove il reddito minimo garantito non è stato ancora adottato. Altrove le cose vanno diversamente. In Danimarca, dove lo Stato si dimostra molto generoso (la base per un singolo over 25 è di 1.325 euro), i beneficiari devono obbligatoriamente cercare un’occupazione ed ad accettarla qualora si dimostrasse appropriata alle loro competenze. Pena la sospensione del sussidio, che – a differenza di quanto accade in altri Paesi – non è esentasse e può anche subire una riduzione qualora il beneficiario si assentasse senza giustificazione dal lavoro.
Il reddito minimo garantito nel Regno Unito, la cui durata è illimitata e viene riconosciuto a chi non ha un lavoro full time e vive al di sotto della soglia di povertà, viene regolato in base a diversi fattori: all’età del beneficiario, ad eventuali disabilità e alle risorse che ha a disposizione. Se si possiedono oltre 16mila sterline, il sussidio viene infatti sospeso o ridotto se invece si hanno importi superiori alle 6 mila sterline. Un single di età compresa tra i 16 e i 24 anni può così ottenere 56,80 pound a settimana, chi ha più di 24 anni può arrivare a percepire 71,10 pound.
Il sistema in vigore in Germania è diverso: il diritto al reddito minimo garantito viene riconosciuto ai cittadini tedeschi, ai residenti provenienti da Paesi dell’Unione europea che hanno sottoscritto il Social Security agreement e ai rifugiati politici. Lo Stato si premura tuttavia di condurre una volta ogni sei mesi degli accertamenti sui requisiti di chi beneficia del sussidio, che – in caso di abilità lavorativa – deve (obbligatoriamente) accettare offerte di lavoro congrue alle sue capacità e deve seguire programmi di reinserimento. Ogni singolo cittadino senza reddito può ottenere un massimo di 382 euro al mese. Il sussidio aumenta però a seconda del numero dei figli e in base alla loro età: lo Stato assegna così 289 euro per ogni figlio tra i 14 e i 18 anni, 255 euro tra i 6 e i 14 e 224 anni da 0 a 5 anni.
Qualora l’Italia seguisse l’esempio della Grecia, sarebbe chiamata ad affrontare costi consistenti seppur minori rispetto a quelli necessari per introdurre il reddito di cittadinanza, che viene riconosciuto a chiunque. Secondo stime “prudenziali (probabilmente in eccesso)” elaborate dagli economisti Roberto Perotti e Tito Boeri, l’introduzione di un reddito minimo garantito da 500 euro potrebbe richiedere allo Stato una spesa compresa tra gli 8 e i 10 miliardi di euro.

segui @SpadoniMirko

 

1 Commento per “Come funziona il reddito minimo garantito”

  1. adriano

    Allo Stato gli immigrati costano 2400,00 euro ognuno e i soldi li trovano, per il reddito garantito, che il popolo a votato nelle ultime elezioni, non ci sono mai i fondi. credo non ci sia nulla da aggiungere.

Leave a Reply to adriano

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia