La coltivazione di Ogm nel mondo | T-Mag | il magazine di Tecnè

La coltivazione di Ogm nel mondo

di Mirko Spadoni

mais_ogmI Paesi dell’Unione europea avranno una motivazione in più per poter vietare la coltivazione di prodotti agricoli modificati geneticamente. La commissione Ambiente del Parlamento europeo ha infatti votato in favore di norme più restrittive per la coltivazione di OGM nell’Unione, modificando parte dell’accordo preliminare raggiunto lo scorso giugno tra gli stati membri dell’Unione europea. Secondo le nuove norme, la coltivazione di OGM potrà essere vietata dai Paesi europei anche per motivi ambientali. Una possibilità esclusa dalla precedente intesa, che comunque concedeva a ciascuno Stato membro di vietare la coltivazione degli OGM sul proprio territorio. Una decisione che forse non verrà accolta con soddisfazione da chi è invece favorevole, ma che coincide con il parere della maggioranza degli italiani. Secondo il IV Rapporto Gli italiani e l’agricoltura della Fondazione Univerde presentato solo qualche settimana fa, il 77% degli italiani si è detto contrario alla coltivazione – e all’utilizzo – degli OGM. Solo il 9% è invece a favore. E’ scesa anche la quota di chi si è dichiarato disponibile a consumare prodotti agricoli con OGM, qualora venisse dimostrata la loro non nocività, passata dal 62% del 2011 al 59% del 2014.
Pensiero, quello di buona parte della popolazione italiana, evidentemente condiviso anche dal TAR del Lazio, che nell’aprile scorso ha bocciato il ricorso presentato da un agricoltore friulano contro il decreto interministeriale, firmato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin e dal ministro delle Politiche agricole e dell’Ambiente Andrea Orlando. Decreto che proibisce la semina di mais bio-tech MON810, fino all’adozione di misure comunitarie previste dal regolamento 178/2002 e comunque non oltre diciotto mesi dal luglio del 2013. Il nostro è infatti uno di quei Paesi che a differenza di altri (Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina, Cina e India, tanto per citarne alcuni) vieta la coltivazione di prodotti OGM, proteggendo così – secondo il parere di chi vuole vietarne l’uso – un settore che vanta 263 prodotti tipici e, oltre ad un milione di ettari condotti con metodo biologico, ha esportato merci per ben 33 miliardi di euro solo nel 2013, stando a quanto riferito qualche tempo fa dal presidente della Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci. Esistono però dei prodotti OGM che possono essere commercializzati anche nell’Unione europea, purché presentino tracce transgeniche non superiori allo 0,9%. Secondo una recente inchiesta della FAO condotta nei suoi 193 Stati membri, 17 non hanno sistemi di sicurezza alimentare o altre regole riguardo agli organismi modificati geneticamente mentre 55 hanno adottato politiche di tolleranza zero nei confronti di quei prodotti OGM non autorizzati. Trenta sono invece i Paesi che coltivano OGM per finalità di ricerca o per la produzione commerciale, con gli Stati Uniti come principale produttore mondiale con 70,1 milioni di ettari destinati alle coltivazioni di organismi geneticamente modificato (il 40% del totale), secondo un report dell’International service of the acquisition of agri-biotech applications (ISAAA).

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Referendum per il taglio dei parlamentari, il Viminale: «Ha votato il 53,84% degli aventi diritto»

Il ministero dell’Interno il dato definitivo sull’affluenza per il referendum sul taglio per i parlamentari. Ha votato il 53,84% degli aventi diritto. In quanto confermativo…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Referendum taglio parlamentari, Di Maio: «Raggiunto un risultato storico»

«Quello raggiunto oggi è un risultato storico». Lo ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri ed ex capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, chi arriva in Italia da Parigi dovrà sottoporsi al tampone

Chi arriva in Italia da Parigi e da «altre aree della Francia con significativa circolazione del virus» deve sottoporsi al tampone. Lo ha stabilito un’ordinanza…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Unimpresa: «Dal 2010 ad oggi i prestiti alle imprese sono crollati di oltre 186 miliardi di euro»

Negli ultimi dieci anni, i prestiti delle banche italiane alle imprese sono diminuiti di oltre 186 miliardi di euro, passando dagli 856 miliardi di luglio 2010 ai 669…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia