Chi ha annullato l’effetto del bonus Irpef | T-Mag | il magazine di Tecnè

Chi ha annullato l’effetto del bonus Irpef

ImpreseL’incremento della pressione delle tasse locali ha annullato gli effetti del bonus Irpef da 80 euro istituito con la legge 89 del 2014. Il bonus “avrà ripercussioni positive sul Pil in quanto le famiglie potranno spendere di più e le imprese saranno stimolate a investire e, di conseguenza, a creare maggiore lavoro”, come spiegava solo qualche settimana fa il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan nel corso di un’intervista all’agenzia di stampa Ansa. Eppure le cose sembrano andare diversamente per le oltre 8 milioni di famiglie italiane (un terzo del totale) che ne hanno beneficiato. Secondo uno studio della Cisl, pubblicato martedì 18 novembre, il bonus è stato infatti compensato dall’aumento della pressione fiscale. In particolare dall’incremento delle addizionali (regionali e comunali) oltre alla reintroduzione della tassazione sulle prime case (Imu e Tasi) che, secondo una recente stima dell’ufficio studi di Confedilizia, permetterà all’Erario di incassare 24,8 miliardi di euro nel caso in cui tutti i Comuni applichino l’aliquota minima della Tasi o 28 miliardi nell’eventualità venga adottata l’aliquota massima. In entrambi i casi si tratta comunque di una somma di denaro superiore a quella garantita dall’Ici nel 2011 (9,2 miliardi di euro).
Soldi che i Comuni intendono usare per far fronte ai tagli imposti dal governo anche in occasione dell’introduzione del bonus Irpef da 80 euro, garantito in parte anche da una riduzione del budget a disposizione di Comuni, Regioni e Province per oltre due miliardi di euro nei prossimi tre anni (articolo 47 comma 8).
All’aumento delle imposte locali “non corrisponde – osserva ancora la Cisl – una pari riduzione di quelle erariale”: la pressione fiscale delle principali imposte statali sulle famiglie “è nel 2014 del 29.7%”. Come nel 2010.
Le differenze rispetto al passato sono semmai altre: la ricchezza media netta in termini reali delle famiglie, ridotta del 9% tra il 2006 e il 2012, e il loro risparmio annuale (-38% negli ultimi 6 anni).
La pressione fiscale ha quindi annullato gli effetti del bonus Irpef, pensato e voluto dal governo per rilanciare i consumi. Consumi che, a settembre e secondo Confcommercio, hanno registrato un calo dello 0,2% su agosto e dello 0,6% rispetto allo stesso mese del 2013. Il calo tendenziale, spiega chi ha condotto la rilevazione, deriva dalla flessione della domanda di servizi (-0,9%) e dei beni (-0,4%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia