Scende ancora il clima di fiducia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scende ancora il clima di fiducia

consumi2L’indice del clima di fiducia dei consumatori in base 2005=100 diminuisce a novembre a 100,2 da 101,3 del mese di ottobre.
La componente economica aumenta a 103,9 da 101,5, mentre quella personale diminuisce a 99,1 da 100,7.
L’indice riferito al clima corrente si riduce a 99,0 da 100,6, quello relativo al clima futuro non varia, confermandosi a 101,7.
I giudizi e le attese sulla situazione economica del Paese migliorano, i rispettivi saldi passano a -105 da -106 e a -12 da -16. Quanto alla tendenza della disoccupazione, il saldo diminuisce a 53 da 58.
I giudizi sulla situazione economica della famiglia peggiorano (a -57 da -55, il saldo); per le attese, invece, il saldo migliora a -16 da -18. I giudizi sul bilancio familiare peggiornano leggermente (a -18 da -17, il saldo). Le opinioni favorevoli sull’opportunità attuale e sulle attese di risparmio registrano diminuzioni: i rispettivi saldi calano a 115 da 126 e a -55 da -49. Per l’opportunità attuale di acquisto dei beni durevoli il saldo diminuisce a -79 da -78.
I saldi che esprimono i giudizi e le attese circa la dinamica dei prezzi al consumo passano a -8 da -12 e a -19 da -24, rispettivamente.
A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-est e al Centro, diminuisce nel Nord-ovest e nel Mezzogiorno.

Il quadro economico generale
I giudizi dei consumatori sulla situazione economica del Paese migliorano (il saldo passa a -105 da -106 del mese precedente). Questa variazione è spiegata dall’aumento della percentuale di intervistati che giudicano la situazione economica “migliorata” (al 4,8% dal 3,7%) e “molto migliorata” (allo 0,3% dallo 0,2%). Per le attese il saldo passa a -12 da -16. Il saldo che esprime le attese di disoccupazione risulta in diminuzione a 53 da 58 del mese passato.
Quanto ai giudizi sulla dinamica dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi e alle attese future sull’andamento, i rispettivi saldi passano a -8 da -12 e a -19 da -24.

La situazione personale
I giudizi sulla situazione economica della famiglia peggiorano, il saldo passa a -57 da -55. Quanto alle attese future, il saldo aumenta a -16 da -18. I giudizi sul bilancio familiare peggiorano e il saldo passa a -18 da -17 per effetto della diminuzione della quota di coloro che dichiarano di riuscire a risparmiare.
Il saldo relativo ai giudizi sull’opportunità attuale di risparmio diminuisce a 115 da 126. Tale risultato è dovuto sia all’aumento della quota di coloro che ritengono “certamente non opportuno” effettuare risparmi (al 9,6% dal 7,5%) sia alla diminuzione della quota di coloro che ritengono “certamente opportuno” risparmiare (al 58,3% dal 63,0%). Le attese sulle possibilità future di risparmio diminuiscono (a -55 da -49, il saldo). Per quanto riguarda l’opportunità attuale di acquisto di beni durevoli, il saldo passa a -79 da -78. Per le intenzioni future di spesa, il saldo si mantiene stabile a -91.

Il dettaglio territoriale
A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-est e al Centro, diminuisce nel Nord-ovest e nel Mezzogiorno.
Nord-ovest: il clima di fiducia diminuisce a 101,2 da 106,2. Diminuiscono tutte le componenti: economica a 103,7 da 107,0, personale a 99,9 da 105,3, corrente a 98,9 da 105,3 e futura a 104,3 da 107,4.
Nord-est: il clima di fiducia aumenta a 104,3 da 99,6. Tutte le componenti aumentano: quella economica a 105,9 da 100,0, quella personale a 102,4 da 98,8, quella corrente a 105,0 da 99,7 e quella futura a 102,8 da 98,4.
Centro: il clima di fiducia cresce a 101,5 da 100,8. La componente economica e quella futura aumentano a 103,3 da 100,4 e a 103,4 da 100,3. Il clima personale e quello corrente diminuiscono, rispettivamente, a 100,0 da 100,9 e a 99,6 da 101,4.
Mezzogiorno: Il clima di fiducia diminuisce a 96,4 da 98,4. Tranne la componente economica, che sale a 99,1 da 97,6, le altre componenti diminuiscono: quella personale a 95,8 da 97,8 quella corrente a 95,0 da 96,7 e quella futura a 97,9 da 99,7.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, nel mondo oltre 31 milioni di contagi

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.079.041 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Inail: «Ad agosto, 27 morti per contagi sul posto di lavoro»

Al 31 agosto 2020, i contagi da coronavirus sul lavoro sono stati 52.209 «con un’incidenza del 19,4% rispetto al totale dei contagiati nazionali». Lo ha reso noto l’INAIL,…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «L’Italia ha dimostrato che anche la situazione peggiore si può invertire»

Nel corso dell’emergenza sanitaria, «l’Italia è stata un esempio scintillante di come, con unità nazionale e solidarietà, impegno comune e umiltà, anche la situazione peggiore…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regionali e referendum taglio parlamentari, nel primo giorno di votazioni affluenza al 40%

Nel primo giorno di votazione, l’affluenza è stata del 39,38% per il referendum per il taglio dei parlamentari e del 41,37% nelle quattro regioni –…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia