Torna in calo la fiducia delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Torna in calo la fiducia delle imprese

grandi_impreseA novembre 2014 l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane (Iesi, Istat economic sentiment indicator), espresso in base 2005=100, scende a 87,7 da 89,1 di ottobre.
Il clima di fiducia delle imprese migliora nel settore manifatturiero ed in quello del commmercio al dettaglio; peggiora nel settore delle costruzioni e dei servizi di mercato.
L’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale a 96,3 da 96,1 di ottobre. I giudizi sugli ordini rimangono stabili (a -25), le attese di produzione migliorano lievemente (da 2 a 3); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da 3 a 2.
L’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie (Rpi) indica un miglioramento per i beni di consumo (da 95,9 a 96,9) e per i beni strumentali (da 96,0 a 96,6), resta stabile per i beni intermedi (a 97,5).
L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 74,0 da 77,3 di ottobre. Peggiorano le attese sull’occupazione (da -21 a -28 il saldo) e migliorano lievemente i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -50 a -49).
Nel mese di novembre, l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi scende a 88,7 da 89,2 di ottobre. Peggiorano i giudizi e le attese sugli ordini (da -16 a -19 e da 1 a -8, i rispettivi saldi) e migliorano, invece, le attese sull’andamento del’economia italiana (da -28 a -17).
Nel commercio al dettaglio, l’indice del clima di fiducia sale a 97,6 da 94,2 (in ottobre). La fiducia migliora sia nella grande distribuzione (da 91,8 a 95,0) sia in quella tradizionale (da 97,0 a 101,2).

La fiducia delle imprese manifatturiere
Nel mese di novembre l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale rispetto al mese precedente, da 96,1 a 96,3. Restano stabili i giudizi sugli ordini, ma migliorano le attese di produzione (a -25 e da 2 a 3, rispettivamente); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da 3 a 2.
L’indice del clima di fiducia sale da 95,9 a 96,9 nei beni di consumo e da 96,0 a 96,6 nei beni strumentali, resta stabile a 97,5 nei beni intermedi. I giudizi sugli ordini migliorano nei beni di consumo (da -25 a -24), restano stabili nei beni intermedi e nei beni strumentali (rispettivamente a -25 e a -21); il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti passa da -1 a 2 nei beni di consumo, da 5 a 4 nei beni intermedi e da 3 a 2 nei beni strumentali. Le attese sulla produzione peggiorano nei beni intermedi (da 3 a 2) ma migliorano nei beni di consumo (da -1 a 3) e nei beni strumentali (da 5 a 6).
L’indice del clima di fiducia del settore manifatturiero scende da 101,4 a 100,3 nel Nord-ovest e da 93,7 a 93,5 nel Centro, mentre sale da 94,6 a 95,1 nel Nord-est e da 90,5 a 91,5 nel Mezzogiorno. I giudizi sugli ordini peggiorano nel Nord-ovest (il saldo scende da -20 a -22), nel Centro (da -25 a -26), restano stabili nel Nord-est (a -23) e migliorano nel Mezzogiorno (da -36 a -34); il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti passa da 4 a 6 nel Nord-ovest, da 6 a 5 nel Nord-est, da -7 a -5 nel Mezzogiorno e resta stabile a -1 nel Centro. Le attese di produzione migliorano nel Nord-ovest (il saldo sale da 3 a 4) e nel Mezzogiorno (da 1 a 4), restano stabili nel Nord-est e nel Centro (a 1 e a 4 rispettivamente).

La fiducia delle imprese di costruzione
L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 74,0 da 77,3 di ottobre; peggiorano le attese sull’occupazione (da -21 a -28) ma migliorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -50 a -49).
L’indice del clima di fiducia scende da 60,6 a 56,1 nella costruzione di edifici e da 101,5 a 94,5 nei lavori di costruzione specializzati ma sale a 80,7 da 74,5 nell’ingegneria civile. I giudizi sugli ordini migliorano sia nella costruzione di edifici (da -63 a -61) sia nell’ingegneria civile (da -31 a -24), ma peggiorano nei lavori di costruzione specializzati (da -31 a -36 il saldo); le attese sull’occupazione peggiorano nella costruzione di edifici (da -26 a -36) e nei lavori di costruzione specializzati (da -16 a -22) ma migliorano nell’ingegneria civile (da -22 a -17).

La fiducia delle imprese dei servizi di mercato
Nel mese di novembre, l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi scende da 89,2 di ottobre a 88,7. Peggiorano i giudizi e le attese sugli ordini (da -16 a -19 e da 1 a -8, i rispettivi saldi) e migliorano, invece, le attese sull’andamento del’economia italiana (da -28 a -17). Circa le altre variabili non componenti il clima di fiducia, crescono i saldi dei giudizi sull’occupazione (da -14 a -8), stabili a -12 le relative attese, migliora l’andamento degli affari (da -14 a -6) e sale il saldo relativo alla dinamica dei prezzi di vendita (da -12 a -8).
Nel dettaglio settoriale, il clima di fiducia aumenta nei trasporti e magazzinaggio (da 85,1 a 90,6), e nei servizi alle imprese (da 83,9 a 90,3), grazie alla sensibile progressione del saldo relativo alle attese sugli ordini e sull’economia italiana. La fiducia diminuisce notevolmente, invece, nei servizi turistici (da 83,5 a 66,7) a causa della contrazione di tutte le componenti, e nell’informazione e comunicazione (da 92,9 a 84,9) dove peggiorano i giudizi e le attese sugli ordini.
Nel dettaglio territoriale infine, il clima di fiducia migliora nel Nord, in particolare nel Nord-ovest dove torna a salire attestandosi a 90,8 da 84,5 (a 84,0 da 83,5 nel Nord-est) e nel Mezzogiorno dove passa da 87,9 a 94,6; peggiora, invece, al Centro (da 94,5 a 84,5).

La fiducia delle imprese del commercio al dettaglio
Nel commercio al dettaglio il clima di fiducia sale da 94,2 (in ottobre) a 97,6. Recuperano, in particolare, il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -25 a -20) e quello relativo alle aspettative sulle vendite future (da -2 a 2); in decumulo sono giudicate, infine, le scorte di magazzino (da 1 a 0 il saldo). La fiducia migliora in entrambi i circuiti distributivi, passando da 91,8 a 95,0 nella grande distribuzione e da 97,0 a 101,2 in quella tradizionale. Nella prima, in particolare, emerge in deciso miglioramento il saldo delle attese sulle vendite future (da 7 a 19) e in recupero quello dei giudizi sulle vendite correnti (da -17 a -13). Nella seconda, migliora il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (-33 a -27) e si conferma sui valori dello scorso mese quello relativo alle attese sulle vendite future (-11). Quanto, infine, alle scorte di magazzino, il saldo della variabile passa da 1 a 7, nella grande distribuzione e da -1 a -6, in quella tradizionale.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia