Imprese in difficoltà, meglio nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese in difficoltà, meglio nel 2015

I risultati della ricerca "Che Italia che fa" di Tecnè per Tgcom24

imprese_stretta_creditiziaAncora un periodo di incertezza per imprese e famiglie che risentono dell’andamento altalenante dell’economia italiana. I consumi restano bassi, sebbene a novembre abbiano fatto registrare un lieve miglioramento rispetto al mese di ottobre. Nel complesso i giudizi sulla situazione economica del paese restano negativi, ma migliorano leggermente le attese a 12 mesi. Questi, in sintesi, i risultati della ricerca Tecnè per Tgcom24, Che Italia che fa.

IMPRESE&MERCATI. L’indice elaborato da Tecnè, a novembre, scende a 47/100 rispetto al 49 registrato a ottobre e il 51 di settembre. L’industria farmaceutica, chimica e petrolifera, insieme al settore informatico e delle telecomunicazioni sono i comparti che hanno registrato, nel mese in corso, le performance migliori, mentre agli ultimi posti si collocano il commercio al dettaglio di prodotti alimentari e le costruzioni. Le previsioni a tre mesi registrano ancora la debolezza dei mercati e collocano l’indice in territorio negativo, mentre si conferma la tendenza a un graduale miglioramento dalla seconda metà del 2015.

FAMIGLIE&CONSUMI. Cala di un punto rispetto al mese precedente (da 38 a 37) l’indice sulla condizione economica delle famiglie. Nel complesso il 3% registra un miglioramento della propria condizione economica, il 50% la giudica stabile e il 47% in peggioramento. Si conferma fuori equilibrio il bilancio familiare: solo il 18% ha registrato un saldo mensile positivo mentre per il 31% le uscite mensili hanno superato le entrate. A novembre l’indice del bilancio familiare si ferma a 46/100, stabile rispetto a ottobre. Restano in territorio negativo gli standard di consumo ma fanno registrare un leggero miglioramento rispetto a ottobre.

FIDUCIA ECONOMICA. Prevalgono ampiamente i giudizi negativi sulla situazione economica dell’Italia: il 70% la giudica peggiorata rispetto a un anno fa, il 25% stabile e il 5% migliorata. L’indice di fiducia, a novembre, si conferma sugli stessi valori di ottobre (24/100) mentre migliorano leggermente le attese a 12 mesi, con l’indice specifico che sale a 45/100 (era 44 a ottobre).

Sfoglia la ricerca Tecnè-Tgcom24 in pdf

 

Scrivi una replica

News

Speranza: «Dal 16 maggio stop quarantena Paesi Eu e voli Covid tested anche per aeroporti di Venezia e Napoli»

«Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: stato d’emergenza in altre tre prefetture

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base Kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia