Imprese in difficoltà, meglio nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese in difficoltà, meglio nel 2015

I risultati della ricerca "Che Italia che fa" di Tecnè per Tgcom24

imprese_stretta_creditiziaAncora un periodo di incertezza per imprese e famiglie che risentono dell’andamento altalenante dell’economia italiana. I consumi restano bassi, sebbene a novembre abbiano fatto registrare un lieve miglioramento rispetto al mese di ottobre. Nel complesso i giudizi sulla situazione economica del paese restano negativi, ma migliorano leggermente le attese a 12 mesi. Questi, in sintesi, i risultati della ricerca Tecnè per Tgcom24, Che Italia che fa.

IMPRESE&MERCATI. L’indice elaborato da Tecnè, a novembre, scende a 47/100 rispetto al 49 registrato a ottobre e il 51 di settembre. L’industria farmaceutica, chimica e petrolifera, insieme al settore informatico e delle telecomunicazioni sono i comparti che hanno registrato, nel mese in corso, le performance migliori, mentre agli ultimi posti si collocano il commercio al dettaglio di prodotti alimentari e le costruzioni. Le previsioni a tre mesi registrano ancora la debolezza dei mercati e collocano l’indice in territorio negativo, mentre si conferma la tendenza a un graduale miglioramento dalla seconda metà del 2015.

FAMIGLIE&CONSUMI. Cala di un punto rispetto al mese precedente (da 38 a 37) l’indice sulla condizione economica delle famiglie. Nel complesso il 3% registra un miglioramento della propria condizione economica, il 50% la giudica stabile e il 47% in peggioramento. Si conferma fuori equilibrio il bilancio familiare: solo il 18% ha registrato un saldo mensile positivo mentre per il 31% le uscite mensili hanno superato le entrate. A novembre l’indice del bilancio familiare si ferma a 46/100, stabile rispetto a ottobre. Restano in territorio negativo gli standard di consumo ma fanno registrare un leggero miglioramento rispetto a ottobre.

FIDUCIA ECONOMICA. Prevalgono ampiamente i giudizi negativi sulla situazione economica dell’Italia: il 70% la giudica peggiorata rispetto a un anno fa, il 25% stabile e il 5% migliorata. L’indice di fiducia, a novembre, si conferma sugli stessi valori di ottobre (24/100) mentre migliorano leggermente le attese a 12 mesi, con l’indice specifico che sale a 45/100 (era 44 a ottobre).

Sfoglia la ricerca Tecnè-Tgcom24 in pdf

 

Scrivi una replica

News

Recovery Fund, Conte: «Dobbiamo essere più ambiziosi»

«Dobbiamo essere più ambiziosi. Le risorse del Recovery Fund ci consentiranno di reinventare una nuova normalità, e in questa condizione la sostenibilità ambientale e il…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Nostro dovere mantenere la parola sulle riforme»

«Il nostro dovere è dimostrare di mantenere la parola e non solo con il taglio dei parlamentari ma con una legge elettorale che ci eviti…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Istat: «Nel 2019 rapporto deficit-Pil all’1,6%»

«L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è pari nel 2019 a -1,6% (-2,2% nel 2018)». Lo ha reso noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: «Siamo delusi e preoccupati»

«Siamo molto delusi e preoccupati. Per favore amici di Londra basta giocare, il tempo sta per scadere e abbiamo bisogno di una base realistica su…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia