Fca: “Completata l’offerta di azioni ordinarie” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fca: “Completata l’offerta di azioni ordinarie”

Fiat Chrysler Automobiles N.V. (NYSE: FCAU) (“FCA”) annuncia il completamento dell’offerta di 100 milioni di azioni ordinarie, valore nominale €0.01 per azione, e di un ammontare nozionale complessivo di U.S.$2.875 millioni di obbligazioni 7,875% a conversione obbligatoria e scadenza 2016. Le azioni ordinarie collocate sono costituite dalle azioni ordinarie proprie precedentemente detenute da FCA e da ulteriori azioni ordinarie che FCA ha emesso per reintegrare il capitale delle azioni cancellate ai sensi della normativa applicabile a seguito dell’esercizio da parte degli azionisti di Fiat S.p.A. (“Fiat”) del diritto di recesso loro riconosciuto dalla normativa italiana nell’ambito della fusione transfrontaliera di Fiat in FCA. Le offerte riflettono il pieno esercizio da parte delle banche collocatrici delle opzioni loro spettanti per l’acquisto di ulteriori azioni ordinarie ed obbligazioni a conversione obbligatoria.
L’azionista di riferimento di FCA, Exor S.p.A. (“Exor”) ha acquistato in questa offerta, a titolo di investimento, un ammontare nozionale complessivo di U.S.$886 milioni di obbligazioni a conversione obbligatoria al fine di preservare la propria partecipazione, pari a circa il 30% delle azioni ordinarie di FCA (fully diluted). La partecipazione (diluted) di Exor, dopo il completamento delle offerte, sarà pari a circa il 29,5% delle azioni ordinarie di FCA.
Le azioni ordinarie sono state collocate al pubblico al prezzo di U.S.$11,00 per azione. FCA ha pagato commissioni di collocamento per complessivi U.S.$33 milioni per l’offerta di azioni ordinarie per un ricavo netto prima delle spese di U.S.$1.067 milioni.
Le obbligazioni a conversione obbligatoria sono state collocate al pubblico al 100% del valore nozionale di U.S.$100 per ciascuna obbligazione a conversione obbligatoria. FCA ha pagato commissioni di collocamento pari al U.S.$2.75 per ogni U.S.$100 di obbligazioni a conversione obbligatoria escluse quelle acquistate da Exor, per un ricavo totale netto prima delle spese di circa U.S.$2.820 milioni. Il ricavo totale netto prima delle spese derivante da entrambe le offerte è stato pari a circa U.S.$3.887 milioni.
Le obbligazioni a conversione obbligatoria saranno obbligatoriamente convertite in azioni ordinarie FCA il 15 dicembre 2016, fatte salve le ipotesi di conversione anticipata a discrezione del possessore o di FCA oppure a seguito del verificarsi di specifici eventi in base ai relativi termini. La cedola del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria sarà del 7,875% annuo dell’importo nozionale, pagabile annualmente il 15 dicembre 2015 e 2016 e, a scelta di FCA, potrà essere corrisposta in azioni ordinarie di FCA alla data stabilita per la conversione obbligatoria. FCA avrà l’opzione di differire il pagamento delle cedole, purché tale differimento non vada oltre la data di scadenza. Le obbligazioni a conversione obbligatoria sono state emesse in tagli di U.S.$100 per obbligazione. Il tasso di conversione massimo del prestito a conversione obbligatoria sarà pari a 9,0909 azioni ordinarie per ciascun titolo obbligazionario a conversione obbligatoria, mentre il tasso minimo sarà pari a 7,7369 azioni ordinarie per ciascun titolo obbligazionario a conversione obbligatoria, in entrambi i casi con aggiustamento in talune circostanze.
FCA intende utilizzare il ricavato netto dell’offerta di azioni ordinarie e del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria per le generali esigenze del Gruppo.
“Questo è stato un anno di radicale trasformazione per FCA. Dopo aver acquisito dal VEBA Trust la residua quota di minoranza in Chrysler, abbiamo trasformato Fiat e Chrysler in FCA ed esordito al New York Stock Exchange, il tutto negli ultimi 12 mesi. Il completamento di queste offerte rappresenta un altro passo decisivo per fare di FCA un costruttore di automobili globale, dotato della capitalizzazione per competere efficacemente con i maggiori costruttori mondiali” ha detto Sergio Marchionne, CEO di FCA. “Intendiamo proseguire nella realizzazione del Business Plan 2014-2018”.
E’ quanto si legge in un comunicato diffuso da Fiat Chrysler Automobiles.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, via libera del Cts a tamponi rapidi nelle scuole italiane

Il CTS, il Comitato tecnico scientifico, ha dato il via libera alla possibilità di effettuare tamponi rapidi nelle scuole italiane «ai fini esclusivi di screening è possibile…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Guterres: «Dobbiamo agire adesso, altrimenti rischiamo recessione globale»

«Se non agiamo ora, abbiamo davanti una recessione globale che potrebbe spazzare via decenni di sviluppo e rendere completamente fuori portata l’Agenda 2030». Così il…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tensioni Armenia-Azerbaigian, «intensi combattimenti»

Proseguono gli scontri tra Armenia e Azerbaigian nonostante i ripetuti appelli al cessate il fuoco. In particolare, riporta la Tass, l’Azerbaigian riferisce che tra ieri…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Save the Children: «La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani»

La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani. Secondo Save the Children, negli ultimi sei mesi il numero di minori in condizioni di insicurezza…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia