Dal 2008 oltre 6 miliardi di ore di cassa integrazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dal 2008 oltre 6 miliardi di ore di cassa integrazione

lavoro_imprese-1024x683Le ore di cassa integrazione concesse sono un indicatore importante. Riconosciute ai lavoratori di un’azienda in difficoltà, consentono di valutare lo stato di salute di un’economia. Non è forse un caso se, a partire dall’inizio della crisi economica nel 2008, il numero delle ore concesse nel nostro Paese è cresciuto sensibilmente di anno in anno.
Indipendentemente dalla tipologia (ordinaria, straordinaria o in deroga), la cassa integrazione viene erogata quando un’impresa in difficoltà è costretta a fare a meno, per un lasso di tempo limitato, dei propri lavoratori. Quest’ultimi, oltre ad avere diritto ad un sussidio (inferiore al salario normalmente percepito), subiscono anche una riduzione dell’orario di lavoro che può essere parziale o totale (cassa integrazione a zero ore). Quindi chi è in cassa integrazione risulta, tecnicamente, occupato.
Proprio per questo motivo, osserva il Centro studi di Confindustria nel suo scenario economico di dicembre, il tasso di disoccupazione nel nostro Paese raggiunge il 14,2% “se si considera l’utilizzo massiccio della Cassa integrazione guadagni”. Una percentuale superiore a quella rilevata e comunicata dall’ISTAT.
Complessivamente quante sono state le ore di cassa integrazione concesse dall’inizio della crisi economica? Secondo un calcolo dell’Osservatorio CIG del dipartimento Industria della CGIL, ne sono state erogate circa 6 miliardi e 300 milioni.
Nel 2008 ne furono concesse 188 milioni, l’anno successivo 918 milioni. Nel 2010, con l’introduzione della cassa integrazione in deroga (quella pagata dalla fiscalità generale e non dai versamenti delle imprese), le ore raggiunsero quota 1,2 miliardi per scendere a 953 milioni nel 2011. Dal 2012 in poi, osserva il sindacato di Corso d’Italia, le ore di cassa integrazione hanno costantemente superato il miliardo: 1.09 milioni nel 2012 e 1.07 milioni nel 2013.
La situazione non è cambiata molto nel corso dell’ultimo anno: stando a quanto rilevato dall’INPS, nei primi 11 mesi del 2014, le ore di cassa integrazione hanno superato il miliardo (1.022 milioni). Con un’incidenza pari a 29,9 ore ogni mille lavorate nel terzo trimestre (-6,8 ore su base annua), secondo l’ISTAT.
Oltre alla riduzione dell’orario di lavoro, l’entrata in cassa integrazione comporta una diminuzione del salario: soltanto nel corso del 2014, osserva la CGIL, circa 540 mila lavoratori hanno subìto infatti un taglio del reddito pari a 3,6 miliardi di euro (6.700 euro netti in meno in busta paga ciascuno).

(articolo pubblicato su Tgcom24 il 18 dicembre 2014)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia