Commercio estero, crolla export verso Russia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero, crolla export verso Russia

exportA novembre 2014, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali con i paesi extra-Ue mostrano dinamiche divergenti, con un calo delle esportazioni (-1,8%) e un aumento delle importazioni(+1,9%).
Al netto dei prodotti energetici la diminuzione congiunturale dell’export (-0,4%) è meno sensibile. I prodotti intermedi (-2,7%) e, in misura meno rilevante, i beni strumentali (-0,3%) concorrono alla flessione delle vendite di prodotti non energetici. Le vendite di beni di consumo durevoli (+6,6%) sono invece in forte espansione.
La crescita congiunturale dell’import risulta, a eccezione della contenuta flessione dei beni di consumo durevoli (-0,5%), diffusa a tutti i raggruppamenti principali di beni ed è più sostenuta per i beni strumentali (+4,4%) e i beni di consumo non durevoli (+2,9%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta comunque ampiamente positiva (+3,2%) e investe tutti i raggruppamenti principali di beni, esclusa l’energia (-1,6%). Le vendite di beni strumentali sono in rilevante espansione (+7,8%).
Dal lato dell’import, si registra per lo stesso periodo una contenuta flessione (-0,5%) da ascrivere all’energia (-8,4%), al netto della quale le importazioni crescono del 3,4%.
A novembre 2014, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente,si rileva una crescita tendenziale dell’export (+2,6%) particolarmente sostenuta per i beni di consumo durevoli (+6,7%) e i beni strumentali (+6,0%).
Su base annua le importazioni – sostanzialmente stabili nell’aggregato (+0,1%) – sono caratterizzate dalla marcata contrazione degli acquisti di energia (-21,4%). Al netto di questa componente, gli acquisti dai paesi extra Ue sono in forte espansione (+13,5%).
A novembre 2014 l’avanzo commerciale è pari a 2.715 milioni di euro (+2.343 milioni a novembre 2013). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici è pari a 5,6 miliardi (era di 6,2 miliardi a novembre 2013).
I mercati di sbocco più dinamici sono ASEAN (+19,7%), Stati Uniti (+15,0%) e paesi EDA (+8,7%). La forte espansione su questi mercati contrasta la marcata flessione delle vendite verso Russia (-23,2%), Giappone (-19,6%) e MERCOSUR (-8,1%). Le importazioni da Russia (-23,6%) e paesi OPEC (-6,7%) sono in rilevante calo.

(fonte: Istat)

 

1 Commento per “Commercio estero, crolla export verso Russia”

  1. […] Commercio estero, crolla export verso Russia | T-Mag | il magazine di Tecnè. […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia