Il difficile momento delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il difficile momento delle imprese

di Mirko Spadoni

computer_lavoroTanti sono i fattori che possono determinare la chiusura di un’impresa. Tra questi sicuramente giocano un ruolo determinante il calo dei consumi, che rende difficoltoso lo svolgimento dell’attività aziendale, e il peso del fisco, che in molti casi disincentiva nuove assunzioni o nuovi investimenti.
L’ultimo Osservatorio sulla demografia delle imprese curato dall’Ufficio studi di Confcommercio contiene un dato, che certifica il momento difficile delle aziende italiane: da gennaio ad ottobre del 2014, il saldo tra aperture e chiusure delle imprese attive nel terziario è negativo di circa 78 mila unità ed è in lieve aumento rispetto allo stesso periodo del 2013 (-76.489).
Il crollo dei consumi, influenzato dal calo del reddito pro capite disponibile (circa 2.700 euro in meno dal 2007), è risultato probabilmente determinante. Nell’arco degli ultimi tre anni, la spesa complessiva delle famiglie italiane è diminuita del 10,7%. Pari, osservano ADUSBEF e Federconsumatori, ad una contrazione sul mercato di oltre 78 miliardi di euro.
Una caduta dinanzi alla quale le imprese italiane hanno cercato di reagire. Ad esempio, offrendo alla clientela un maggior numero di prodotti in offerta. Tant’è che nel 2014 la pressione promozionale – ovvero la quota di prodotti in offerta sul totale – ha toccato il 30%, secondo una rilevazione di Confesercenti. Nel 2007 era al 22,4%.
Sforzi che, anche a giudicare dal saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni registrato nel commercio al dettaglio alimentare e non (-25.600 unità), sono valsi a poco: i consumi, osserva l’Ufficio studi di Confcommercio, sono tornati ai livelli del 1997. Un balzo all’indietro di ben 17 anni e che ha costretto molte aziende a chiudere i battenti.
I (mancati) consumi non rappresentano tuttavia le uniche preoccupazioni per le imprese italiane attive nel terziario: il 94,1% di quest’ultime, secondo una recente indagine condotta da Confcommercio in collaborazione con Format Ricerche, sostiene infatti di avere crescenti difficoltà a fare fronte al peso della pressione fiscale, a causa della quale l’80% delle aziende ha dichiarato di aver rinunciato all’assunzione di nuovi addetti o a nuovi investimenti.

(articolo pubblicato su Tgcom24 il 23 dicembre 2014)

 

Scrivi una replica

News

Serie A, una squadra con più di dieci giocatori positivi potrà richiedere il rinvio di una gara

Una squadra con oltre dieci giocatori positivi al coronavirus potrà chiedere il rinvio di una partita. Lo ha deciso il Consiglio di Lega. La Lega…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ema ha iniziato ad analizzare i dati del vaccino AstraZeneca-Oxford

L’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, ha iniziato ad analizzare i dati del vaccino contro il coronavirus realizzato da AstraZeneca e dall’università di Oxford. Si…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fisco, Gualtieri: «Con la riforma, taglio del cuneo fiscale e sostegno alle famiglie»

«Si interverrà sul fisco attraverso un processo di riforma che si caratterizzerà principalmente per il taglio cuneo fiscale sul lavoro». Lo ha detto il ministro…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Casellati annuncia che Palazzo Madama non chiuderà nonostante i due casi di coronavirus tra i senatori

«Il Senato non chiude, come annunciato ieri. Oggi le Commissioni hanno ripreso regolarmente i propri lavori dopo i controlli imposti dai protocolli di sicurezza anti…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia