L’Italia in apnea: un anno di economia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia in apnea: un anno di economia

Il 2014 è stato per le famiglie un anno di sacrifici, bassi gli standard di consumo. Per la ripresa si confida nel 2015. La ricerca Tecnè per Tgcom24

crisi_personeIl Pil (Prodotto interno lordo) è ancora in flessione, diminuiscono produzione industriale e commercio al dettaglio e la stima del tasso annuale attesta la disoccupazione al 12,5%. E ancora: il 71,9% degli italiani giudica peggiorata la situazione economica dell’Italia (il 47,6% la pensa allo stesso modo per quanto riguarda la propria famiglia), il 28,4% della popolazione è a rischio povertà o esclusione sociale mentre il 40,3% non può sostenere una spesa imprevista di 800 euro. Questo il cruscotto che racchiude Un anno di economia, l’indagine che Tecnè ha condotto per Tgcom24 per trarre un bilancio sul 2014 che si sta per concludere.
Il quadro che emerge è quello di un anno di sacrifici per le famiglie italiane. Lo dimostrano in particolare gli standard di consumo, che si sono mantenuti nel 2014 su livelli decisamente bassi. Migliorano, anche se restano al di sotto dei livelli soddisfacenti, le prospettive a 12 mesi per la famiglia.
I giudizi delle famiglie sulla situazione economica dell’Italia si collocano durante l’arco dell’anno – in una scala 100-1 – in territorio negativo. A inizio 2014 l’indice di fiducia si attestava a 21 punti per concludere nell’ultimo trimestre a 23 (la soglia di massima di fiducia è stata raggiunta nel terzo trimestre, a 30 punti).
Migliori, in compenso, le attese per il futuro con l’anno che si chiude poco al di sotto del livello con cui era cominciato (44 a 45). Le prospettive per l’Italia a 12 mesi erano più rosee nel secondo trimestre, quando l’indice si attestava a 52 punti.
In territorio negativo, ma allo stesso tempo più favorevoli, i giudizi sulla situazione economica della famiglia. Dai 36 punti iniziali l’ultima parte dell’anno registra un +2, stabile dal secondo trimestre. Le prospettive a 12 mesi delle famiglie non sono ancora in territorio positivo, ma cominciano ad essere più ottimiste nonostante la perdita di un punto rispetto al primo trimestre (47-46). Il saldo del bilancio familiare (la differenza tra entrate e uscite) si è mantenuto stabile per tutto l’arco dei 12 mesi, con l’indice che ha oscillato tra i 46 e i 47 punti.
Basso lo standard dei consumi (il punto più alto è stato toccato nel secondo trimestre, a 28 punti) a conferma di come le famiglie anche quest’anno abbiano mantenuto una gestione oculata delle risorse. Coerentemente, le intenzioni di acquisto di beni durevoli (nell’immediato) non hanno mai superato una certa soglia (dai 25 punti del primo trimestre si passa ai 26 del terzo e del quarto).

Sfoglia l’indagine Tecnè-Tgcom24 in pdf

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia