In Italia buona la formazione, ma scarsa l’attrattività | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia buona la formazione, ma scarsa l’attrattività

lavoro_apprendistatoA novembre la percentuale di disoccupati tra i 15 ed i 24 anni sul totale della popolazione di pari età è stata del 12,2% (il tasso di disoccupazione giovanile si è invece attestato al 43,9%). Tuttavia non è colpa esclusiva della congiuntura economica, ma della differenza tra le competenze offerte dal mondo dell’istruzione e quelle richieste dai datori di lavoro.
Secondo Adecco, che insieme a Insead e HLCI ha redatto il Global Talent Competitiveness Index, la percentuale di giovani senza lavoro, penalizzati dalla scarsa “comunicazione” tra mondo della formazione e imprese, si aggirerebbe intorno al 19%. L’analisi, che classifica 93 Paesi in base alla capacità di formare, attrarre e mantenere tra i propri confini i propri talenti, descrive il nostro Paese come un ottimo incubatore, incapace però di attrarre e mantenere i talenti a causa, da un lato, delle incompatibilità tra formazione e finalità e dall’altro, a causa della situazione economica che l’Italia sta attraversando.
Nel ranking, presentato al World Economic Forum di Davos, l’Italia si piazza 36esima. In particolare a penalizzare il nostro Paese sono le voci legate al rapporto tra compenso e produttività (per il quale occupiamo il 91esimo posto) e per gli effetti della tassazione sul lavoro (al 92 esimo posto). Male anche per quanto riguarda la valorizzazione dei talenti, 55esimo posto, e l’attrattività, 58esimo.
I punti di forza italiani sono invece le competenze “vocazionali” (la produttività, le abilità – le cosiddette skills – e le qualifiche di alto livello), grazie alle quali raggiunge il 14 esimo posto.
Dall’indagine è emerso che il Paese che più punta sui giovani talenti (appunto formandoli, facendoli crescere, attraendoli e tenendoli per favorire la propria competitività) è la Svizzera. Al secondo posto c’è Singapore, seguito da Lussemburgo, Stati Uniti, Canada, Svezia, Regno Unito, Danimarca, Australia e infine, in fondo alla top ten, l’Irlanda.
I Paesi presi in considerazione dall’indagine rappresentano oltre il 96% del Prodotto interno lordo mondiale e oltre l’83% della popolazione totale. La Svizzera è in cima alla graduatoria per capacità di investire su idoneità al lavoro e formazione professionale (la capacità dunque di formare giovani adatti alla domanda del lavoro). Determinante in questo senso è l’apprendistato, che in Svizzera coinvolge il 70% degli studenti sopra i 15 anni. Singapore, secondo in classifica, è invece il Paese che attrae più talenti, mentre Lussemburgo è quello considerato più aperto sia dal punto di vista commerciale sia dal punto di vista professionale.

(articolo pubblicato il 22 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello mondiale, i contagi hanno superato i 242,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 242.648.151. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, Acea: «Nel terzo trimestre, le auto ibride hanno superato il diesel per la prima volta»

Nel terzo trimestre del 2021, nell’Unione europea, le immatricolazioni di autovetture ibride elettriche (Hev) hanno rappresentato il 20,7% del mercato complessivo. Lo ha reso noto…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Draghi: «Sulla Polonia, non ci sono alternative: le regole sono chiare»

Sulla Polonia «non ci sono alternative: le regole sono chiare». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso della conferenza stampa…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Energia, Draghi: «Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Ue in egual misura»

Sull’energia «siamo stati espliciti con la necessità di preparare subito uno stoccaggio integrato con le scorte strategiche. Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Unione europea in egual…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia