Tessile: nel 2014 il settore è tornato a crescere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tessile: nel 2014 il settore è tornato a crescere

tessileNel 2014 un settore chiave per il Made in Italy è tornato finalmente a crescere. Stiamo parlando del comparto tessile che, grazie a una forte ripresa della domanda interna, fin troppo affievolita negli anni passati, ha visto crescere notevolmente il proprio giro d’affari e la produzione industriale, ponendo, di conseguenza, un freno al collasso occupazionale che interessava il mondo del tessile.
Rispetto all’anno precedente il settore ha visto crescere il proprio fatturato del 3,8% (contro il -2,4% registrato nel 2013), arrivando a superare gli otto miliardi di euro (il 15,3% del fatturato complessivo del settore tessile/abbigliamento). Ciò, come già spiegato, è stato possibile grazie all’aumento del 4,4% registrato dalla domanda interna. Di conseguenza la produzione industriale è stata interessata da uno slancio del 2,9% che ha portato a un rallentamento del calo degli occupati: -1% nel 2014.
Secondo uno studio condotto da Soges e Ares2.0, tra il 2005 e il 2012 i lavoratori nel settore tessile/abbigliamento sono passati dalle 500 mila unità a 350 mila, mentre tra il 2007 e il 2012 gli occupati sono scesi del 15% (contro il -10,3% registrato in media tra le atre attività del manifatturiero nello stesso perido). Le ore lavorate nel settore della moda sono invece diminuite del 20% (-16,1% nelle altre manifatture).
Nel dettaglio, il solo comparto tessile, nell’intervallo di tempo preso in considerazione, ha perso oltre 100 mila unità di lavoro.
Il progressivo indebolimento dell’euro sul dollaro ha favorito l’export verso gli Stati Uniti, tanto da far registrare un +10% nel periodo preso in considerazione. Di contro però sono calate le vendite verso gli storici partner asiatici ed europei. Le esportazioni verso la Cina hanno infatti registrato un -9,6%, mentre quelle verso Hong Kong un -11,9%. Più contenuto il calo riportato dalle vendite in Germania e Francia: rispettivamente -3,4% e -1,9%.
Nonostante il calo nei mercati europei l’export tessile italiano è cresciuto del 3,3% generando 4,4 miliardi di euro di fatturato. Le importazioni sono invece aumentate del 6,5% e il saldo commerciale si è mostrato in positivo di 2,4 miliardi di euro, rappresentando il 25% dell’intero saldo del settore tessile/abbigliamento.

(articolo pubblicato il 6 febbraio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump: «Sono stati quattro anni incredibili»

«Sono stati quattro anni incredibili». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in occasione del suo ultimo discorso a Washington, prima di…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, morto il ministro degli Esteri dello Zimbabwe

Il governo dello Zimbabwe ha reso noto che il ministro degli Esteri, Sibusiso Moyo ha perso la vita dopo aver contratto il coronavirus.…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Olanda annuncia primo coprifuoco dal dopoguerra

Il governo olandese, per contrastare la pandemia, ha annunciato il coprifuoco a partire da domani e sarà dalle 20.30 fino alle 4.30. Si tratta del…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «È la più grande sfida dal dopoguerra per l’Ue»

«Con la pandemia da Covid-19, l’Europa sta vivendo la sua più grande sfida dal dopoguerra. In meno di un anno, quasi mezzo milione di vite…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia