La Cina ha smesso di correre? | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Cina ha smesso di correre?

cinaNon è iniziato nel migliore dei modi il 2015 per la Cina, anzi. A gennaio il quadro economico si è mostrato ancora peggio di come lo si era lasciato alla fine del 2014: la Cina sta rallentando a vista d’occhio su tutti i fronti.
L’ultima tegola arriva dai dati sul commercio di gennaio. Le esportazioni sono sorprendentemente calate del 3,3% dopo l’ottimo +9,7% realizzato a dicembre. Lo stupore deriva dal fatto che le attese indicavano una crescita di quattro punti percentuali. Per quanto riguarda le importazioni, la stagnazione dell’attività manifatturiera le ha fatte crollare del 19,3%, mentre il calo atteso era di circa il 3%.
La produzione manifatturiera cinese ha, infatti, toccato il valore più basso dall’ottobre del 2012 e l’indice Pmi, (Il Manufacturing purchasing managers’ index, unità di misura con cui Markit calcola, in valori percentuali, l’attività manifatturiera di un Paese) si è attestato a 49,8 punti: in calo di 0,3 su dicembre e 0,2 punti in meno rispetto alla soglia, quella dei 50 punti, che definisce lo stato di salute dell’attività manifatturiera sulla base di fatturato, produzione e occupazione. Proprio quest’ultima, a gennaio, è scesa per il 15esimo mese consecutivo.
In generale il mercato del lavoro, almeno secondo le stime diffuse dal governo, non sembra risentire particolarmente dell’attuale situazione economica. Secondo i dati ufficiali il tasso di disoccupazione è al 4,1%, stabile sotto il 5% ormai da anni. Non la pensa così il Fondo monetario internazionale, secondo il quale la soglia del 5% sarebbe stata superata: oggi il tasso di disoccupazione cinese si attesterebbe al 6,3%.
Certo è che la normativa sul figlio unico (introdotta nel 1988 e abolita nel 2013) sta giocando brutti scherzi al Paese: già nel 2012 la popolazione in età e stato di salute buono per lavorare ha registrato il primo calo (-3,5 milioni di unità). Entro il 2020 Bloomberg prevede un’ulteriore contrazione, si passerà infatti dai 944 milioni di lavoratori odierni ai 920 milioni. Un numero che scenderà ancora: 877 milioni entro il 2030 e 823 milioni entro il 2040.
Per quanto riguarda il Pil la Cina ha registrato il più basso tasso di crescita degli ultimi 24 anni, rallentando nel quarto trimestre al +7,3% portando la crescita dell’intero 2014 al 7,4%. Un dato inferiore rispetto al 7,5% stimato in precedenza dal governo, ma superiore al 7,2% previsto dagli economisti del Wall Street Journal. Nel 2013 la crescita dell’economia cinese è stata del 7,7% .
Secondo le stime per i prossimi due anni realizzate dal Fondo monetario internazionale, il Pil cinese crescerà del 6,8% nel 2015 (lo 0,3% in meno rispetto alle previsioni precedenti) e del 6,3% l’anno seguente (in questo caso il dato è stato rivisto al ribasso di 0,5 punti percentuali).

(articolo pubblicato il 9 febbraio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump: «Sono stati quattro anni incredibili»

«Sono stati quattro anni incredibili». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in occasione del suo ultimo discorso a Washington, prima di…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, morto il ministro degli Esteri dello Zimbabwe

Il governo dello Zimbabwe ha reso noto che il ministro degli Esteri, Sibusiso Moyo ha perso la vita dopo aver contratto il coronavirus.…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Olanda annuncia primo coprifuoco dal dopoguerra

Il governo olandese, per contrastare la pandemia, ha annunciato il coprifuoco a partire da domani e sarà dalle 20.30 fino alle 4.30. Si tratta del…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «È la più grande sfida dal dopoguerra per l’Ue»

«Con la pandemia da Covid-19, l’Europa sta vivendo la sua più grande sfida dal dopoguerra. In meno di un anno, quasi mezzo milione di vite…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia