Le differenze salariali nel nostro Paese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le differenze salariali nel nostro Paese

In Italia, dove il tasso di crescita delle retribuzioni registrato nel 2014 è stato il più basso dal 1982, un dirigente guadagna 11 volte di più rispetto ad un operaio
di Mirko Spadoni

retribuzioniLa consistenza di una retribuzione lorda (o netta) dipende dal livello di studio del lavoratore, dalla sua età, dal settore in cui è impiegato e dalle sue le qualifiche professionali. Ma non solo. Molto dipende anche dal genere (una donna guadagna meno rispetto ad un collega uomo) e dal luogo di lavoro: al Nord gli stipendi sono più alti rispetto a quelli percepiti nelle regioni centro-meridionali. Vediamo di quanto.
In Italia, secondo il JP Salary outlook 2015 di Job Pricing, nel corso del 2014 un lavoratore dipendente ha percepito una retribuzione annua lorda media di 28.977 euro: un dato in linea con quello rilevato dall’Organizzazione della Cooperazione economica (OCSE), secondo cui il nostro Paese è in nona posizione tra i partner della zona euro.
Il salario varia a seconda dell’incarico ricoperto. Mediamente un dirigente guadagna così 107.021 euro lordi: circa il doppio di quanto riconosciuto ad un quadro (53.914) e molto di più rispetto a quanto guadagnato nell’arco di dodici mesi da un impiegato (31.122) o un operaio (23.913 euro). Per quanto meno marcate, le differenze restano anche quando dalla paga lorda si passa a quella netta: su 13 mensilità, un operaio guadagna mediamente 1.327 euro netti al mese, un impiegato 1.660, un quadro 2.553 e un dirigente 4.257 euro.
E così in Italia, dove secondo l’ISTAT il tasso annuo di crescita dei salari registrato nel 2014 è stato il più basso dal 1982, pochi sono i lavoratori che riescono a percepire una paga superiore ai 100.000 annui: l’1,2% del totale. La maggior parte guadagna infatti molto meno: il 75% ha un stipendio compreso tra i 18 e i 34 mila euro.
Oltre alle differenze territoriali (al Nord gli stipendi sono più alti del 19,8% rispetto a quelli meridionali) lo studio ha evidenziato, infatti, anche quelle dovute al genere (una donna percepisce in media il 6,7% in meno rispetto ai colleghi uomini) e all’età del lavoratore. Gli under 24 hanno una paga media di poco superiore ai 21 mila euro contro gli oltre 44 mila riconosciuti a chi è, invece, a fine carriera: il 107% in più. Del resto, complici diversi fattori come gli scatti di anzianità e di carriera, lo stipendio tende ad aumentare in base all’età anagrafica.
Altrove le cose vanno diversamente. In Germania, osserva chi ha condotto il report, l’incremento retributivo si concentra nel corso dei primi dieci anni di carriera per poi decrescere una volta compiuti i 50 anni. Nel nostro Paese, il salario d’ingresso medio fino ai 28 anni è poco superiore ai 21 mila euro contro i 26-27 mila di Germania. Una volta ottenuto un primo impiego, sostiene invece DataGiovani, il salario di un lavoratore con meno di trent’anni oscilla tra i 1.000 e gli 800 euro, attestandosi mediamente a 848 euro.

(articolo pubblicato il 19 febbraio 2015 su TGCOM24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia