Istat, prezzi produzione in calo dell’1,1% a gennaio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, prezzi produzione in calo dell’1,1% a gennaio

A partire dai dati riferiti a gennaio 2015, gli indici dei prezzi alla produzione sono calcolati utilizzando il mese di dicembre 2014 come base di calcolo; l’anno 2010 resta la base di riferimento. Una Nota Informativa, con ragguagli metodologici, sarà diffusa il prossimo 31 marzo.
Nel mese di gennaio 2015, l’indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dell’1,1% rispetto al mese precedente e del 2,9% rispetto a gennaio 2014.
I prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno diminuiscono dell’1,6% rispetto a dicembre e del 3,7% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico si registra una variazione congiunturale nulla, ed un aumento dello 0,1% su base tendenziale.
I prezzi dei beni venduti sul mercato estero segnano una diminuzione dello 0,1% sul mese precedente (con un aumento dello 0,1% per l’area euro ed un calo dello 0,2% per l’area non euro); su base tendenziale si registra una diminuzione dello 0,4% (-0,3% per l’area euro e -0,5% per quella non euro).
Il contributo maggiore al calo tendenziale dei prezzi dei beni venduti sul mercato interno proviene dal comparto energetico (-3,8 punti percentuali). Anche sul mercato estero i contributi negativi più rilevanti derivano dell’energia sia per l’area euro che per quella non euro (rispettivamente -0,6 e -1,1 punti percentuali).
Il settore di attività economica per il quale si rileva il calo tendenziale dei prezzi più marcato è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, con diminuzioni del 19,7% sul mercato interno e del 25,2% su quello estero.
E’ quanto si legge in una nita diffusa dall’ISTAT.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia