La crisi e il lavoro a metà | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi e il lavoro a metà

L'indagine di Tecnè per Tgcom24

pil_crisi_economicaLa crisi economica ha trascinato con sé effetti negativi tanto sul mercato del lavoro quanto sulla spesa delle famiglie. Mentre si attende la ripresa (gli indicatori economici, soprattutto l’indice di fiducia delle imprese e delle famiglie, fanno sperare in un cambio di rotta per il 2015), l’immagine che la crisi intanto restituisce è quella di un paese in difficoltà, soprattutto sul fronte occupazionale nonostante gli ultimi dati, di certo più positivi rispetto ai mesi precedenti.
Dal 2008 gli occupati sono un milione in meno, ma ancor di più si è evidenziato un calo delle ore lavorate – causa, a sua volta, di un cambiamento nella tipologia di impiego dei lavoratori, con inevitabili conseguenze su salari e potere d’acquisto. Sono 4,3 miliardi le ore lavorate in meno dal 2008, con una diminuzione delle persone occupate a tempo pieno a fronte dell’aumento degli occupati a tempo parziale (indagine Tecnè per Tgcom24). Il trend negativo ha caratterizzato tutti i settori di attività economica, in particolare quello delle costruzioni che dal 2011 assiste ad un crollo vertiginoso. Nel 2014 l’industria ha registrato una lieve risalita, su livelli stabili (sia gli occupati che le ore lavorate) il settore dei servizi. In calo costante fino al 2013 il settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca.
La crisi ha così costretto le famiglie, a seconda dell’ampiezza, a ridurre la spesa sulle varie voci del vivere quotidiano. La spesa, ad esempio, è diminuita alla voce “mangiare” del 3% (variazione percentuale rispetto al 2005) nel caso di una persona, del 14% nel caso di tre persone, del 19% nel caso di cinque persone. Il capitolo di spesa che ha subito la maggiore flessione è quello legato all’abbigliamento (-24% nel caso di una persona; -38% nel caso di tre persone; -44% nel caso di cinque persone). Al contrario è l’abitazione la voce che ha registrato la minore contrazione (-11% nel caso di un nucleo di tre presone e stessa variazione percentuale nel caso di una famiglia di cinque persone).

Sfoglia l’indagine Tecnè/Tgcom24

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Censis: «Il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle in vista delle feste natalizie»

«In vista del Natale e del Capodanno il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle». Lo rileva il 54esimo Rapporto…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è sceso a 0,91

Nel periodo compreso tra l’11 e il 24 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,91. Lo…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa Francesco: «Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi»

«Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi». Lo ha detto Papa Francesco in un videomessaggio, in spagnolo, inviato ai partecipanti alla 23esima Giornata della…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Biden ha chiesto a Fauci di «restare nello stesso ruolo che ha avuto con i precedenti presidenti»

Il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, ha chiesto al direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Anthony Fauci, di «restare nello…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia